Verona Pulita

Giù le "Manni" dall'Arena di Verona! L'Arena va gestita, non venduta

"Ricordiamo ancora la scioccante proposta da parte del trio Manni-Maccagnani-Lambertini di privatizzare l'Arena, offrendo solo i tre mesi estivi di opere con maestranze assunte con contratti a termine e l'allestimento delle scenografie affidato a cooperative private. Ora Manni torna alla carica e conferma la nostra teoria: Verona oggi è in vendita e tutto ha un prezzo".

Centri commerciali Verona Sud, si assumano prima i lavoratori di Ferroli & co.

Michele Croce, candidato sindaco del movimento civico Verona Pulita, fa appello agli imprenditori che presto avvieranno le attività a Verona Sud chiedendo di assumere per primi tutti quei lavoratori, con requisiti idonei, che si trovano in cassa integrazione o hanno perso il lavoro.

Giarol Grande: Michele Croce rilancia il progetto della grande Fattoria Didattica

"Abbiamo constatato che dopo dieci anni in cui il Comune di Verona ha speso oltre 700mila euro, il progetto della fattoria didattica "Giarol Grande" non è mai decollato e ad oggi le aree sono in stato di totale abbandono, con grave pregiudizio per i 37 ettari (10 boschivi e 20 coltivabili) di terreno che contemplano anche un'abitazione, una splendida corte rurale, le stalle e lo spaccio dei prodotti.

Matrimonio all'orizzonte tra Tosi e Pd?

Michele Croce, candidato sindaco del movimento Verona Pulita, interviene sulle ultime notizie che vedono l'attuale sindaco di Verona molto vicino a Renzi e alle posizioni del Pd dopo i flirt con Alfano.

"Prima va ai banchetti del Partito Democratico a firmare per il referendum, poi dichiara che se fosse a Roma voterebbe Giachetti, candidato del Pd. La domanda che rimane è: a quando la tessera del partito per il sindaco di Verona?"

Michele Croce: " Tosi vada a casa subito!"

"Verona in emergenza e Tosi pensa solo a se stesso e al suo futuro. Non aspetti maggio, vada a casa subito!"

Michele Croce, eletto nel 2012 nella lista Tosi e ora candidato sindaco del movimento Verona Pulita, chiede al sindaco di dedicarsi pure alla faccende private, ma di lasciare subito la poltrona di Primo cittadino.
Croce: «Credo nel modello Tosi e sono eletto nella sua lista. Poi scopro che non è oro tutto ciò che luccica...».