recensione

Applausi a scena aperta per Patricia Zanco al Camploy con Onorata Società

Venerdì sera, in un teatro quasi al completo, applausi a scena aperta per Patrica Zanco sul palco del Camploy con Onorata Società di Francesco Niccolini.
Testo non semplice quello di Niccolini da far digerire ad un pubblico che più che atro vuole essere intrattenuto senza pensare, e che guarda al teatro di impegno civile con il sospetto degli eventi dedicati ad una nicchia di nostalgici pensatori destinata all'estinzione.

Magistrale interpretazione di Alessandro Anderloni in Carlo, l'ombra ed il sogno

Tutto esaurito ieri sera al Teatro Ristori per lo spettacolo "Carlo, l'ombra ed il sogno" portato sulla scena da Alessandro Anderloni. Alcuni minuti di applausi e pubblico in piedi al termine del monologo che narra la vicenda di Carlo  Zinelli, veronese di S. Giovanni Lupatoto,  dal 1947 ricoverato nel manicomio di Tomba, in Borgo Roma diretto dal prof. Cherubino Trabucchi. Dopo 10 anni di non vita, nel manicomio  parte il progetto per un Atelier di pittura all'interno del quale viene coinvolto Carlo Zinelli.

Osteria Contro la Guerra

Splendida serata, quella di sabato all’Osteria al Manegheto di vicolo Cere, agli Orti di Spagna. Osteria piena di gente, ma gente anche fuori dall’Osteria per seguire ed ascoltare “Dormi sepolto in un campo di grano” spettacolo magistralmente gestito dalle voci di Alessandro Anderloni, narratore e Giuliana Bergamaschi, cantante, accompagnati dalla chitarra classica di Federico Mosconi.

Film Festival della Lessinia: racconti amari e racconti di vita

Il brutto tempo non ha impedito a molte persone di affollare anche ieri, la piazza e le sale del Film Festival della Lessinia che si sta svolgendo a Boscochiesanuova.

Sala Olimpica strapiena per l’incontro con Elena Dak autrice de “La carovana del Sale”, libro edito da Corbaccio. Il racconto affascinante del viaggio che compiono ogni anno i Tuareg dell’alto Niger che con centinaia di dromedari attraversano il deserto del Ténéré per scambiare sale, datteri e miglio.

OperaForte Cinema: La finestra sul cortile

Al Forte Santa Caterina in Via del Pestrino 69 a Verona, martedì 12 agosto alle 21, Opera Forte presenta: La finestra sul cortile (1954) di Alfred Hitchcock con Grace Kelly e James Stewart.

Rear Window, titolo originale, è uno dei film più belli che siano mai stati girati, tanto che nel 1997 venne scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. La pellicola fu presentata per la prima alla serata inaugurale della 15ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia del 1954.

Data: 
Martedì, 12 Agosto, 2014 - da 21:00 a 23:00

I Contrada Lorì tra tradizione e contemporaneità alla Festa dell'Unità di Quinzano

Una folta cornice di pubblico ha seguito e partecipato allo splendido concerto dei Contrada Lorì, domenica 27 sera all'interno della Festa dell'Unità di Quinzano. Due ore di ottima musica nel solco della tradizione popolare e della contemporaneità. Simpatici, estrosi, leggeri e mai banali i Contrada Lorì hanno coinvolto il numeroso pubblico presente attraversando tutto il lavoro musicale che in questi anni li hanno fatti conoscere al pubblico veronese ma anche a quello più attento ed esigente del panorama musicale italiano.

La magia dell’opera dal Metropolitan di New York al Teatro Ristori di Verona

Il 12 novembre il teatro  Ristori di Verona ha trasmesso, via satellite e in alta definizione, dal Metropolitan Opera di New York, la Tosca di Giacomo Puccini. L’opera è stata diretta dal maestro Riccardo Frizza, per la regia di Luc Bondy e la scenografia di Richard Peduzzi, con la grande star della lirica Patricia Racette, Roberto Alagna e George Gagnidze.

Nuova vita alle voci di dentro con Toni Servillo

Le voci di dentro capolavoro del teatro di Eduardo De Filippo, rappresentato in questi giorni al Teatro Nuovo per la regia e con l’interpretazione di Toni Servillo, prima di tutto mi hanno posto davanti alla personalissima convinzione che nessuno possa dare vita a un personaggi odi Eduardo senza, in qualche modo, sottrargli qualcosa.

Io so chi sono: èdeMa/Medea

«Io so chi sono: sono una donna. Sono una donna intrappolata nel corpo di un uomo».
Inizia con questa affermazione il viaggio in cui ci conduce èdeMa/Medea, drammaturgia di S. Betti e F. De Bernardinis, messa in scena dal Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio per la regia di Isabella Caserta e Francesco Laruffa, rappresentata ieri sera a Verona in prima nazionale.

Pagine