opinioni

Alexis Tsipras: Oggi è un giorno di festa

Alexis Tsipras, all’uscita dal seggio ha dichiarato: “Oggi è un giorno di festa perché la democrazia è una festa. Si può ignorare la decisione di un governo, ma non la decisione di un popolo. Oggi la democrazia batte la paura”. Su Twitter ha scritto: “Oggi la democrazia decide per un domani migliore per tutti noi, in Grecia e in Europa”.

1 euro rubato = 11,5 giorni di carcere

Il furto di merce per 21 euro in un supermercato, assieme al tentativo di fuggire, sono costati 8 mesi di carcere e 200 euro di multa. Pena sospesa. Così recita L’Arena nell’edizione online di mercoledì 18 marzo. Il furto sarebbe avvenuto ieri. Giustizia rapida, si direbbe, rapida sì…ma giusta?

8 marzo non solo parole

Non solo una giornata di festa nel senso comune del termine, l'8 marzo deve essere una giornata di riflessione.
Il primo messaggio di auguri della giornata, per me, è stato quello del nostro direttore, Agostino Mondin, che mi ha scritto: «Dall'anno scorso, per le donne non mi sembra cambiato granché. Dobbiamo fare molto di più e indignarci non solo a parole».

Sindaco, assessore... a che gioco giochiamo?

La telenovela del parere Cancrini sul traforo ad una canna pareva definitivamente chiusa lo scorso 27 gennaio quando l'assessore Corsi in Commissione consiliare dichiarava perentorio: “Un parere scritto non c'è e non è mai stato richiesto”. Faccenda chiusa? Macché, perché appena qualche giorno dopo gli uffici, in risposta ad una delle decine di richieste inoltrate nelle settimane e nei mesi scorsi, mi trasmettevano il citato (anzi smentito) parere su carta intestata dello studio Cancrini-Piselli, datato 21 gennaio 2015.

Di pari passo: Je suis Charlie Hebdo

Ieri pomeriggio ho ricevuto da Mara Riboli, la presidentessa della Biblioteca Comunale di Cerro Veronese, nonché affermata artista veronese, l'opera che vedete accompagnata dalla riflessione che riporto. A Cerro veronese conoscono bene il grande lavoro di promozione culturale svolto dalla Riboli, la sua prodigazione nella promozione sociale della donna con i tanti incontri dedicati durante i martedì della biblioteca e non solo.
Condivido con voi l'immagine e la riflessione.

Il Lupo con gli Stival

Verona è una città bella, ma triste e rassegnata. Pensate che si pèrdono 11 mila posti di lavoro (cifra in difetto) ma nella nostra città nulla turba la quiete, tutto è come prima. Oddio, se vogliamo ci sono sempre i nomadi, gli accattoni, quelli degli alberi, quelli contro il traforo e poi…e poi ci sono i lupi. Sì, avete letto bene, i lupi.

18 Dicembre: Giornata Mondiale Dei Migranti

Scusate Se Non Siamo Annegati

 La riflessione di Renzo Fior, responsabile della comunità Emmaus di Villafranca di Verona:

 Da gennaio 2014 ad oggi, come dice l’agenzia ONU – UNHCR, sono almeno 3419 i migranti che hanno perso la vita nella traversata del Mar Mediterraneo. Nonostante questi dati raccapriccianti, ai quali ci stiamo paurosamente abituando, assistiamo da alcuni mesi ad una recrudescenza di slogan che vedono nei migranti l’origine e la causa di tutti i mali italici.

Tra violenza e viltà

L'ultimo caso riguarda gli yazidi braccati e perseguitati in Iraq dai fanatici jihadisti dell'Isis.
Ma se andiamo a ritroso nel tempo troviamo il genocidio degli armeni cancellati dall'impero ottomano,  gli ebrei sterminati dai nazisti, gli abitanti di Sarajevo presi di mira dai cecchini serbi, il popolo di Srebrenica massacrato dalla pulizia etnica, i civili di Gaza bombardati dall'esercito di Israele ... e così mille altre volte è capitato alle minoranze di ogni parte del mondo di dover incarnare il ruolo di Abele ucciso dal fratello Caino.

Toglietevi dai Piedi (Crescita Economica Zero)

Per anni ci avete spiegato che solo la politica dei tagli, della razionalizzazione e della lotta alle inefficienze del sistema avrebbe potuto portarci fuori da una pesantissima crisi di sistema. Voi che questa crisi l’avete voluta e creata, voi, le cause di questa crisi  ci avete imposto decisioni il cui risultato è sotto gli occhi di tutti.
In Europa la crescita è zero, la Germania dà segno negativo e l’Italia pure.

Pagine