migranti

Kyenge: 4 marzo presentazione del volume Dal libro dell’Esodo

Sabato 4 marzo alle 17, presso la Sala Combonifem delle missionarie comboniane, in via Cesiolo 48, a Verona, sarà presentato il volume Dal Libro dell’Esodo, arricchito dai testi di Cécile KyengePaolo RumizMichele Nardelli, Carlo Saletti e Ismail Fayad.

Giornata contro la tratta degli esseri umani

L’8 febbraio è la Giornata contro la tratta degli esseri umani, Il 90% dei migranti arrivati in Europa negli ultimi anni è vittima dei trafficanti di esseri umani. Molti di loro - uomini, donne e bambini - sono ridotti in condizioni di vera e propria schiavitù per lo sfruttamento sessuale e lavorativo.

Cas di Via Pontida: senza dialogo è solo terreno di propaganda elettorale

Sul Cas di Via Pontida si sta purtroppo verificando quanto temevamo: che cosa sono, infatti, i controlli edilizi annunciati dal Sindaco se non un atto ostilità e di ostruzionismo verso la Prefettura? La situazione ci appare a questo punto incomprensibile: che tipo di confronto c’è stato tra Sindaco e Prefetto? L’emergenza dichiarata dal Prefetto non è condivisa anche dal Sindaco? Il Comune di Verona, che aderisce allo Sprar, quali soluzioni alternative ha messo sul tavolo nel suo dialogo col Prefetto?

Richiesta di aiuto per emergenza rifugiati a Belgrado

Riceviamo e volentieri diffondiamo dal gruppo veronese One Bridge To Idomeni:

A Belgrado la situazione in cui si trovano costretti a vivere i migranti è precaria e vergognosa. Famiglie composte anche da molti bambini e anziani sono bloccate al gelo con temperature registrate fino a -22 gradi. Le autorità serbe hanno espulso dal centro cittadino di Belgrado migranti e volontari che ora si trovano a dover operare in alcuni magazzini fatiscenti appena fuori dalla capitale serba.

Veronesi in guerra contro i poveri?

Città blindata ieri sera, lunedì 9 gennaio per la manifestazione anti migranti organizzata da "Verona ai Veronesi". Mentre alla sinistra cittadina veniva impedito di muoversi, alla destra veniva garantita la possibilità di esprimersi lungo un corteo che, partito da Piazza Bra  terminava il proprio percorso in Piazza Dante, sotto la Prefettura.

Sconcertante, indisponente ma illuminante il permesso accordato dalla questura veronese a "Verona ai Veronesi", raggruppamento dietro il quale si nascondono molte forze ed esponenti della destra neofascista veronese.

CS di Assemblea 17 Dicembre sulla giornata del 9 gennaio a Verona

Ieri sera a Verona si è consumato un dramma dai contorni grotteschi.
Qualche centinaio di appartenenti all’estrema destra veronese - Forza Nuova -  insieme a rinforzi arrivati da altre città, hanno sfilato per il centro di Verona, riciclandosi  con un nuova sigla identitaria - Verona ai Veronesi- che però ieri sera non ha funzionato perché, banalmente, i cittadini veronesi non c’erano.
Una manifestazione sostanzialmente autoreferenziale, che ha tentato di riprodurre, ma invano, dinamiche che altrove hanno funzionato. 

Bovolone e il NO di Pirro

Si è svolta ieri lunedì 9 gennaio a Bovolone un'assemblea convocata per decidere se accogliere o meno i migranti nel proprio comune. Un sindaco balbettante, circa 400 persone presenti, un gruppetto in piedi pronto ad intimidire chiunque provasse ad esprimere posizioni differenti dal "non li vogliamo". Questa la situazione ed il clima della sala nel racconto di chi c’era.

La questura mette la freccia a destra

Il questore vieta il presidio degli antifascisti veronesi a Porta Leoni, previsto per domani sera alle 19. La manifestazione era stata richiesta per contrastare l'iniziativa della destra neofascista prevista nelle stesse ore. Al centro, la vicenda dei migranti di Santa Chiara e della loro protesta dei giorni scorsi.

Pagine