giustizia

Gazoldo degli Ippoliti 2a edizione di Raccontiamoci le mafie

Si svolgerà a Gazoldo degli Ippoliti, in provincia di Mantova, dal 25 settembre al 2 ottobre, la seconda edizione di Raccontiamoci le mafie. Rassegna di autori, libri e arti su mafie, legalità e giustizia.

Una settimana di eventi culturali aperti a scuole, cittadini, amministratori locali, volti a valorizzare e a promuovere memoria e impegno civile.

Data: 
da Domenica, 25 Settembre, 2016 - 18:30 a Domenica, 2 Ottobre, 2016 - 23:00

Raccontiamoci le mafie 25 settembre - 2 ottobre Gazoldo degli Ippoliti

Si svolgerà a Gazoldo degli Ippoliti, in provincia di Mantova, dal 25 settembre al 2 ottobre, la seconda edizione di Raccontiamoci le mafie. Rassegna di autori, libri e arti su mafie, legalità e giustizia.

Una settimana di eventi culturali aperti a scuole, cittadini, amministratori locali, volti a valorizzare e a promuovere memoria e impegno civile.

DIRITTI IN CAMPO laboratorio formativo di legalità e giustizia

Oggi, giovedì 7 luglio 2016, i promotori di “DIRITTI IN CAMPO. Laboratorio formativo di legalità e giustizia” (ARCI, SPI-CGIL, Rete degli Studenti), assieme ad una delegazione di ragazzi, sono stati accolti in Prefettura dal Vicario del Prefetto, Dott. Angelo Sidoti, e dal Dirigente Ordine e Sicurezza Pubblica, Dott. Lucio Parente.

Sganzerla: 15 coltellate valgono 5 anni

A Enrico Sganzerla, l'accoltellatore di Laura Roveri, sono stati ridotti da 7 a 5 gli anni di condanna. Un terzo in meno. Per ottenere ciò è bastato un anno di percorso terapeutico ed il risarcimento economico alla vittima dell'accoltellamento.

Nulla contro il ravvedimmento, da sempre sono assolutamente favorevole al carcere come luogo di recupero e non di sola reclusione.

Mi pare però che in questo caso si sia andati un po' troppo veloci. Sganzerla aveva colpito Laura Roveri con 15 coltellate. Non voleva solo ferirla, voleva ucciderla e solo per caso non c'è riuscito.

Radio Popolare Verona non dimentica

Nella notte tra il 30 aprile ed il 1°maggio del 2008 venne pestato a sangue Nicola Tommasoli. La sua morte arrivò nel tardo pomeriggio del 5 maggio.
Radio Popolare Verona non dimentica, non vuole dimenticare. Coloro che garantirono coperture politiche e pratiche per mantenere un clima cittadino pesantissimo sono ancora ai loro posti di comando, magari con giacca e doppiopetto. Allora come oggi il sindaco era Flavio Tosi, quello che qualcuno vorrebbe far passare come moderato.
Radio popolare Verona non dimentica e tiene d'occhio i camaleonti.

Verità e giustizia per Giulio Regeni

Verità in merito all'omicidio del ricercatore Giulio Regeni, chè stato prima torturato e poi ammazzato, è quanto ci aspettiamo dagli incontri tra magistrati e investigatori egiziani ed italiani. Gli incontri, che tutti attendiamo, sono stati fissati in via ufficiale per giovedì 7 e venerdì 8 aprile a Roma, dopo il nuovo voltafaccia del governo egiziano che a questo punto ha veramente detto tutto e il contrario di tutto sulla morte di Regeni.

Reato di Lesa Maestà

Umberto Bossi è stato condannato a 18 mesi di carcere per aver dato del “terùn” all'allora capo dello stato, Giorgio Napolitano.

Nessuna simpatia per Umberto Bossi, nessuna. Colpisce però che in Italia si possa essere condannati per una simile “sciocchezza” quando siamo abituati a sentire e sopportare ben di peggio, tutti i giorni e tutte le ore.

1 euro rubato = 11,5 giorni di carcere

Il furto di merce per 21 euro in un supermercato, assieme al tentativo di fuggire, sono costati 8 mesi di carcere e 200 euro di multa. Pena sospesa. Così recita L’Arena nell’edizione online di mercoledì 18 marzo. Il furto sarebbe avvenuto ieri. Giustizia rapida, si direbbe, rapida sì…ma giusta?

Sabato 14 marzo “La giornata del seme”

Varie associazioni del territorio veronese, in supporto all’azione *DIP (Dichiariamo Illegale la Povertà) , no promuovono, per sabato 14 marzo, “La giornata del seme” una iniziativa rivolta in particolare a tutti i cittadini della provincia di Verona.

Una giornata  di formazione-informazione e contro-informazione sul tema ”Semi, Diritti e Giustizia” (Nome della nuova rete territoriale veronese che si prefigge di raccogliere associazioni, gruppi, singole persone attorno ai temi condivisi proposti dall’azione DIP ma non solo).

Data: 
Sabato, 14 Marzo, 2015 - da 08:00 a 20:00

Maestre vincono anche i ricorsi individuali: ora basta con le aule di tribunale

Come era facile prevedere, dopo la vittoria delle cause pilota promosse con le organizzazioni sindacali, le maestre hanno vinto anche le cause individuali. La linea dura del Comune è stata sconfitta ma non c'è nulla di cui gioire, c'è soltanto da sperare che il tema dell'istruzione abbandoni una volta per sempre le aule dei tribunali e ritorni ad essere discusso nelle sedi opportune nel segno del dialogo e del confronto. La ricerca dello scontro con le maestre è stato un gravissimo errore di metodo ed un esempio di cattiva amministrazione da parte di questa giunta.

Pagine