foibe

Il ring delle foibe

Ieri si ricordava il dramma degli esuli istriani e delle foibe. Una giornata importante lasciata a se stessa e con un immenso vuoto istituzionale attorno.

Il dramma delle foibe riguarda tutti, italiani ed ex jugoslavi. Tutti, in Istria, hanno utilizzato le foibe, comunisti e fascisti. Già questo dovrebbe essere elemento per costringerci  ad affrontare la storia e cominciare a fare i conti con questo passato ingombrante pieno di paure, orrore, ideologie e rancori mai sopiti. Ma fare i conti con il passato non sembra essere uno sport nazionale molto praticato.

Dedicata al Ricordo

A Verona le celebrazioni per il  Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle Foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale, iniziano ufficialmente, domenica 7 febbraio con l'inaugurazione della mostra fotografica Dedicata al Ricordo a cura del Comitato Provinciale di Verona ANVGD (Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) e la consulenza storica e i testi di Guido Rumici st

Data: 
da Sabato, 6 Febbraio, 2016 - 09:00 a Mercoledì, 10 Febbraio, 2016 - 19:00

Dopo quasi sessant'anni di silenzio il Giorno del Ricordo

Dopo quasi sessant'anni di silenzio della storiografia, ma anche della classe politica, il 10 febbraio si celebra il  Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle Foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale. 10 000 morti, 350 000 profughi, che allora si chiamavano sfollati. La giornata è stata Istituita con la Legge n. 92 del 30 marzo 2004. E così lo Stato italiano esce dall'imbarazzo  e inizia l'elaborazione di una delle pagine più angoscianti della nostra storia.