amministrative 2017

Mai con Flavio Tosi

In un'intervista pubblicata sul Corriere di Verona del 18 ottobre, Nadir Welponer rilancia l'idea dell'alleanza con Tosi per vincere le elezioni. Intervistato da Alessio Corazza, Welponer pensa ad un accordo programmatico tra PD, una lista della sinistra unita ed una lista civica, espressione della società civile e delle professioni. Questo  viene definito "tridente" e nelle speranze dovrebbe arrivare al ballottaggio nelle prossime elezioni amministrative. Welponer inserisce l'accordo con Tosi proprio in vista del ballottaggio.

Dead man (Michele Bertucco) Walking

Dead man walking. Chi ha visto quel film si ricorderà che con queste parole si definiscono i carcerati USA condannati alla pena capitale. Dead man walking,  Così si definiva  Michele Bertucco due anni fa in una chiacchierata informale prima di un confronto a Radio Popolare Verona. Dead man walking. Aveva proprio ragione. In questi quattro anni abbondanti di lavoro in consiglio comunale Michele Bertucco ha incalzato, sfidato, punzecchiato e attaccato il sindaco Tosi e la sua maggioranza con una cadenza quasi giornaliera.

Giù le "Manni" dall'Arena di Verona! L'Arena va gestita, non venduta

"Ricordiamo ancora la scioccante proposta da parte del trio Manni-Maccagnani-Lambertini di privatizzare l'Arena, offrendo solo i tre mesi estivi di opere con maestranze assunte con contratti a termine e l'allestimento delle scenografie affidato a cooperative private. Ora Manni torna alla carica e conferma la nostra teoria: Verona oggi è in vendita e tutto ha un prezzo".

Quale scenario politico per la Verona del futuro

Tra qualche mese a Verona ci saranno le elezioni amministrative e VeronaPolis, quale osservatorio territoriale, nutre non poche preoccupazioni sul futuro urbanistico della nostra città.

Tra le forze politiche non si sta discutendo di programmi e delle eventuali differenti valutazioni sul futuro di Verona. Le segreterie politiche dei partiti presenti in Consiglio, che hanno superato la barriera del silenzio, si sono limitate a valutare solamente le possibili alleanze elettorali.

E le previsioni sulle possibile alleanze si basano sui risultati delle ultime elezioni a Verona.

Il sense of humor del sindaco Tosi

Del sindaco Tosi è impossibile non apprezzare almeno una virtù: lo straordinario sense of humor.

Che dopo questi 9 anni alla guida della città, lui… proprio lui!… abbia fondato il partito del FARE! (con quell’impareggiabile punto esclamativo!) è oggettivamente esilarante.

E irresistibile è anche lo slogan: “il momento di FARE! è adesso” che spiega, con una battuta, strizzando l’occhio a cercare complicità, il perché, sin qui, non ha fatto: non era il momento!

Verona Amministrative 2017: ipotesi di alleanze

Il clima politico a Verona inizia a riscaldarsi. La temperatura del dibattito si sta alzando in modo inversamente proporzionale a quella climatica che tende al fresco autunnale. Non aiutano a rinfrescare il clima i silenzi assordanti della segreteria provinciale del P.D. e neppure le reazioni, i distinguo e gli interventi degli esponenti dei partiti e dei gruppi politici di sinistra.

Scenari per le prossime elezioni amministrative a Verona

Elezioni amministrative a Verona nel 2012: Tosi (Lista Tosi, Lega Nord, etc.) 57,3%, Bertucco (P.D., SEL, etc.) 22,7%, Benciolini (Cinque Stelle) 9,3%, Castelletti (Forza Italia, etc.)  8,8%.

Elezioni regionali comune di Verona 2015: Zaia (Lega nord, Forza Italia, Fratelli d’Italia, etc.) 28,29%;  Moretti (P.D., Verdi Europei, SEL, etc.): 28,12%;  Tosi (Lista Tosi, UDC, Veneto del Fare, etc.) 25,7%, Cinque Stelle 12,3%.

“Possibile”: la ricetta del sindaco per la legalità non funziona

“Possibile”, forza politica cittadina alternativa a Tosi e al Pd targato Renzi, così entra nel merito della discussione che coinvolge il sindaco Tosi sulla legalità, discussione sollevata dapprima con l’intervento di Possibile sull’“Agente 26” dei vigili urbani e poi dalla denuncia di Paternoster della Lega Nord sulla situazione allo Stadio in occasione di Chievo-Inter.

Pagine