Agostino Mondin

Inchinati, proni, prostrati

Nei giorni scorsi abbiamo avuto la notizia che l'amministratore Delegato di Telecom lascia l'azienda e riceve 30 milioni di euro come buona uscita.
Ho atteso qualche giorno prima di scrivere per vedere se vi fossero reazioni. Nulla, niente di niente. Come se tutto questo fosse normale.

Mi aspettavo cori di urlatori indignati, vesti stracciate, gogne mediatiche e invece un banale AD in poco di un anno intasca immeritatamente una buonuscita di quel livello spropositato e nessuno o quasi fiata.

Vota Antonio, vota Antonio….

Domenica si vota. In queste ultime ore si consumano gli ultimi gesti di una campagna elettorale sotto tono, infiammata negli ultimi giorni, dalle foto di Bisinella e Tosi in compagnia del condannato, ex vicesindaco Vito Giacino e dalla decisione del Tar di “resuscitare” il Traforo.

Dei nove candidati alla poltrona di sindaco, solo quattro hanno la possibilità di ambire alla poltrona di sindaco: Salemi, Gennari, Sboarina e Bisinella. Questi quattro, e le liste che li sostengono, hanno la possibilità di arrivare al ballottaggio.

L’Inutile Utilità del Voto Utile

In questi giorni  è tutto un fiorire di  richiami al voto utile. L’area che fa riferimento al PD continua a richiamare la Sinistra al “voto di responsabilità” per evitare che la Destra veronese travolga come una valanga ogni resistenza e spazzi via ogni parvenza di opposizione.

L’intento è sicuramente apprezzabile, se non altro nella sua seconda parte. Quello che non ritorna, non convince e “tanticchia” irrita è il tentativo di colpevolizzare l’elettore di sinistra.

Pappa Elettorale

Attorno alle prossime elezioni amministrative stiamo leggendo di tutto e di più. Le illazioni si sprecano e le notizie, date per certe, vengono smentite in modo velocissimo.

Vediamo di fare il punto della situazione. A me pare che ci siano alcuni punti chiari e molti punti scuri.

Veniamo a quelli che garantiscono maggior certezza.

A sinistra il candidato sindaco è Michele Bertucco, consigliere comunale ex PD, che sta concludendo il proprio mandato continuando ad incalzare l’amministrazione Tosi come ha sempre fatto in  tutti questi lunghi 5 anni.

Richard Shindell Secret Show a La Cantina del Cohen

Solo una cinquantina di "eletti" ha potuto assistere, mercoledì 23 febbraio, alla splendida performance musicale di Richard Shindell a La Cantina del Cohen in via Scarsellini 9. Quasi due ore di esibizione, aperte da una bellissima interpretazione di Famous Blue Raincoat di Leonard Cohen, legando indissolubilmente il nome del locale a quello del grande artista scomparso lo scorso 7 novembre.

Poi vecchi brani mescolati a quelli di Careless, il nuovo album uscito lo scorso anno.

Il ring delle foibe

Ieri si ricordava il dramma degli esuli istriani e delle foibe. Una giornata importante lasciata a se stessa e con un immenso vuoto istituzionale attorno.

Il dramma delle foibe riguarda tutti, italiani ed ex jugoslavi. Tutti, in Istria, hanno utilizzato le foibe, comunisti e fascisti. Già questo dovrebbe essere elemento per costringerci  ad affrontare la storia e cominciare a fare i conti con questo passato ingombrante pieno di paure, orrore, ideologie e rancori mai sopiti. Ma fare i conti con il passato non sembra essere uno sport nazionale molto praticato.

Giorno della Memoria 27 gennaio 2017

Fontana della Bra ghiacciata anche stamattina nell'occasione del Giorno della Memoria. Di fronte al Liston, in una piazza punteggiata di militari e forze dell'ordine, il Carro della Memoria, vagone simile a quelli usati per deportare centinaia di miliaia di ebrei, omossessuali, dissidenti politici, sinti, rom, militari, disabili. Alle 8 il sole deve ancora arrivare ed il porfido della pavimentazione trasmette umidità e gelo. Qualche raro passante infreddolito come i tre alpini che in mimetica fanno bella mostra di sè a fianco del monumento a Vittorio Emanuele.

La consulta boccia il referendum sull'articolo 18

La consulta boccia il referendum sull'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Quesito inammissibile a differenza degli altri due. Libertà di manovra, dunque, ai datori di lavoro che potranno licenziare senza vincolo alcuno o quasi.
Tutto diventa denaro, pagabile e acquistabile. Anche diritti e dignità delle persone.

Agostino Mondin

Veronesi in guerra contro i poveri?

Città blindata ieri sera, lunedì 9 gennaio per la manifestazione anti migranti organizzata da "Verona ai Veronesi". Mentre alla sinistra cittadina veniva impedito di muoversi, alla destra veniva garantita la possibilità di esprimersi lungo un corteo che, partito da Piazza Bra  terminava il proprio percorso in Piazza Dante, sotto la Prefettura.

Sconcertante, indisponente ma illuminante il permesso accordato dalla questura veronese a "Verona ai Veronesi", raggruppamento dietro il quale si nascondono molte forze ed esponenti della destra neofascista veronese.

Bovolone e il NO di Pirro

Si è svolta ieri lunedì 9 gennaio a Bovolone un'assemblea convocata per decidere se accogliere o meno i migranti nel proprio comune. Un sindaco balbettante, circa 400 persone presenti, un gruppetto in piedi pronto ad intimidire chiunque provasse ad esprimere posizioni differenti dal "non li vogliamo". Questa la situazione ed il clima della sala nel racconto di chi c’era.

Pagine