Veronica Marchi live @Coffee Break

La cantautrice reduce da X Factor 10 ritorna a casa, a Verona, e sarà intervistata da Marta e Gionata giovedì 3 novembre dalle 14 a Coffee Break. Nonostante la sua sia stata “la migliore performance degli over” secondo il suo giudice, Manuel Agnelli, non accede ai live su Sky. “Finita la lunga scalinata che mi porta verso le telecamere sono serena, un po’ confusa ma serena. Ognuno lotta per ciò che sente, io adesso ricomincio da qui". Ha detto Veronica che da subito ha ritrovato il suo pubblico, occhi negli occhi, pronta a raccontare e a raccontarsi, il 30 ottobre scorso all'Ohibò di Milano.

E a Radio Popolare Verona ancora si racconterà, dopo questo lungo periodo sotto i riflettori non solo del palco ma anche della tv, per scoprire le sue sensazioni dopo una nuova popolarità e per conoscere i suoi nuovi progetti. Ovviamente senza trascurare i suoi brani in un live acustico da non perdere.

Classe 1982, Veronica Marchi nasce a Verona, l’ultimo giorno dell’anno, all’una di notte. Inizia a cantare all’età di quattro anni, studia pianoforte classico e a nove anni scrive la sua prima canzone. Da lì non si è più fermata. Parte dai concerti nei locali, nel 1998 con un trio acustico da lei fondato, si susseguono svariate formazioni fino ad arrivare al più importante sodalizio, quello con la violinista/polistrumentista Maddalena Fasoli, con cui collabora tutt'ora. Di lì a poco conoscerà, nel 2004, anche Andrea Faccioli, chitarrista/polistrumentista.

Il 2005 è l’anno del suo debutto discografico. Esce il suo album d’esordio, che porta soltanto il suo nome. Il disco è prodotto da Luigi Pecere (La Matricula / Venus). Arrivano anche i primi riconoscimenti come la vittoria del premio “Rai demo 2005”, così come la prima edizione del Premio “Bianca D’Aponte 2005”. Nel 2006 si aggiudica la Terza edizione del premio “L’artista che non c’ era” e chiude l’anno con la Vittoria della prima edizione del concorso “Songwriters. Il 21 giugno esce “Saldi di primavera” il primo singolo che anticipa l’uscita del nuovo album. A luglio vince il Giffoni Music Concept 2007 . Il 9 maggio 2008 esce il suo secondo lavoro intitolato “L’acqua del mare non si può bere” (LaMatricula/Venus). Questo disco è però segnato da due grandi abbandoni, Veronica sceglie, dopo anni di lavoro insieme, di lasciare il suo manager David Bonato, e poco dopo anche il suo produttore Luigi Pecere. Inizia così un lungo e illuminante cammino solitario.

Nel 2009 Veronica non si limita a perseguire la sua carriera di cantautrice, bensì intraprende nuove strade che ampliano le sue capacità artistiche. Dal 2009 al 2013 è parte della compagnia teatral/musicale di Natalino Balasso per la serie di spettacoli intitolati Fog Theatre. Il 7 agosto 2010 Veronica Marchi è a Cracovia (Polonia) come unico artista italiano del Leonard Cohen Event 2010. Nell’agosto del 2011 Veronica entra in studio, con Maddalena Fasoli, Andrea Faccioli e Nelide Bandello, per registrare il terzo album che vede la luce in 20 aprile 2012, e che viene intitolato “La guarigione” (Cabezon/Audioglobe), e che vanta la collaborazione artistica di Dario Caglioni.

Nel giugno 2014, dopo una fortunata campagna di raccolta fondi su Musicraiser, Veronica pubblica il suo primo album da interprete, intitolato “coVer”, un disco che racchiude 16 anni di live in acustico, in solitaria, in perenne ricerca. Nell’ottobre del 2014 è in tour in Repubblica Ceca e Polonia, per un tour “visibile” su tutti i maggiori social network, con il supporto dell’agenzia Pensiero Visibile e Dijon (per Italiart Festival) nella primavera del 2015.Sempre nel 2015 ha co/prodotto e scritto i brani dell'Ep d'esordio di Sole (con Fabio Campedelli - Wea) raggiungendo i Bootcamp di XFactor#9.

Photo credits: Marco Olivotto