Verona: approvata all'unanimità la mozione contro l'uso dei diserbanti

Il 17 marzo è stata approvata all'unanimità dal consiglio comunale la mozione dei Cinque Stelle per escludere l'utilizzo dei diserbanti, in particolare del glifosato, a cominciare dal suolo pubblico.
Con l'approvazione, il Comune si impegna ad invitare quanti lavorano sul territorio comunale a limitare l'utilizzo di questi prodotti chimici; ai cittadini sarà inoltre destinata un'informazione precisa, per valutarne la pericolosità.
Sono previste infine dei monitoraggi a cura dell'ULSS 20, sulla possibile presenza di glifosato nel cibo prodotto a Verona e nelle falde acquifere.

A fine febbraio uno studio dell'Istituto per l'ambiente di Monaco su 14 note marche di birra tedesca ha infatti riscontrato alti livelli di glifosato, in alcuni casi fino a 300 volte superiore a quanto consentito dalla legge per l'acqua potabile.

L'organismo internazionale per la ricerca sul cancro e l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) hanno classificato l'erbicida più diffuso al mondo come “probabilmente cancerogeno”. Di parere diverso l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (Efsa) e gli Stati membri dell'UE: stando ai loro rapporti è improbabile che il glifosato costituisca un pericolo di cancerogità per l'uomo.

L'autorizzazione alla commercializzazione del glifosato è scaduta quest'anno: doveva essere quindi vagliato a inizio marzo il suo rinnovo per altri 15 anni. La decisione è stata rinviata a maggio ''a causa della crescente opposizione da parte degli Stati membri e la pressione forte del gruppo dei Socialisti e Democratici (S&D) al Parlamento europeo''.