Thomas Sankara in un docu-film

Sankara venne accusato di essere un folle. Perché? Secondo lui, la politica aveva senso solo se era onesta ed aveva, come suo primo e fondante obiettivo, la felicità. Il primo presidente della Terra degli uomini e donne libere e integre, il Burkina Faso (dal 1983 al 1987) è ritratto nel docu-film Quel giorno uccisero la felicità, che sarà proiettato venerdì 9 ottobre alle 20.45 alla Casa della Pace in via Enna, 12, a Borgo Nuovo.

Un modo per conoscere il suo messaggio e le sue idee che dal passato giungono a noi con una straordinaria attualità e il suo sogno per un futuro di persone libere e con pari diritti e dignità. Nel corso della serata saranno presentati anche i 12 principi del “Manifesto dei diritti” frutto del progetto a cui sta partecipando l’Associazione per la Pace tra i popoli onlus con altre associazioni: “Diritti per le nostre strade”.

Regia: Silvestro Montanaro
Italia, 2013 - 54 min
Produzione: Carlinho, Rai Tre (C'era una Volta)
Sinossi: 25 anni dall’assassinio di Thomas Sankara, il giovanissimo e straordinario presidente del Burkina Faso, uno dei Paesi più poveri del mondo, C’era una volta racconta l’intreccio di interessi che portò alla sua morte e la grande attualità del suo pensiero. Le immagini di repertorio presenti nel documentario sono tratte delle Teche Rai, Centro Servizi Salario e Comitato Sankara.