Tener-a-Mente - Festival del Vittoriale -Ludovico Einaudi

Mercoledì, 3 Luglio, 2013 - da 21:15 a 23:00

mercoledì 3 luglio 2013 - ore 21.15

Ludovico Einaudi

In a time lapse

Anfiteatro del Vittoriale

Festival del Vittoriale tener-a-mente

Via Vittoriale, 12 - 25083 Gardone Riviera, Lago di Garda
Email info@anfiteatrodelvittoriale.it

Infoline +39 0365 20072 mobile +39 340 1392446 (apertura del botteghino 13 maggio)

"Quando diventi cosciente che il nostro tempo ha un limite, è il momento in cui cerchi di riempire quello spazio vuoto con tutta la tua energia e ricominci a vivere ogni istante della tua vita in modo pieno come quando eri bambino". Così Ludovico Einaudi presenta In a Time Lapse, il suo nuovo attesissimo album, in uscita il 22 gennaio su etichetta Decca/Ponderosa. A tre anni di distanza dal successo di Nightbook (750.000 copie vendute nel mondo e un tour che ha attraversato le venue più prestigiose del pianeta): "un arco di tempo che non congela l'istante ma al contrario comprende tutta la nostra esperienza, il nostro passato, presente e futuro, le nostre aspettative, i nostri desideri, i nostri limiti, tutto quello che siamo." In a Time Lapse è stato composto in un anno ed è stato registrato nell'ottobre del 2012 nel monastero di Villa S.Fermo a Lonigo tra Verona e Vicenza. L'album è composto da quattordici brani, con una strumentazione che comprende pianoforte, archi, percussioni ed elettronica. Come nei precedenti lavori del compositore, si sviluppa come una suite, con un’idea che rimanda alla forma di un romanzo diviso in vari capitoli. Ogni brano ha la sua identità singola ma fa parte di un insieme, come un albero genealogico, in cui ogni ramo ha una relazione con un edificio centrale. "Per vedere l'albero e la foresta. Il dettaglio e l'insieme, tutto contemporaneamente". Epico e trascinante come Divenire, sperimentale e avventuroso come Nightbook, In a Time Lapse si spinge ancora oltre, esplorando nuove tessiture sonore e arrangiamenti che fondono mondi musicali diversi in un linguaggio stratificato, coerente e preciso. All'interno del classico mondo di Einaudi e del suo pianoforte che fa da bussola, in questo album possiamo percepire echi di musica barocca e pulsazioni di pizzica salentina, tessiture tardo romantiche negli archi, e un'ampia tavolozza di colori che vanno dalle percussioni all'elettronica, che appaiono nel corso di un viaggio che trasporta l'ascoltatore attraverso una profonda riflessione intorno all'idea del tempo. L'album si avvale, oltre ai musicisti che suonano regolarmente con Ludovico, tra cui il violoncellista Marco Decimo e il violinista e tamburellista salentino Mauro Durante, dell'orchestra I Virtuosi Italiani, dei percussionisti dell'Auditorium Parco della Musica di Roma e del grande violinista inglese Daniel Hope ospite in quattro brani. Per presentare l’album, Einaudi sarà protagonista di un tour mondiale con un ensemble di undici musicisti: i violinisti Alice Costamagna, Svetlana Fomina, Federico Mecozzi e Caterina Boldrini; le viole Antonio Leofreddi e Laura Riccardi; al violoncello Marco Decimo e Redi Hasa; alle percussioni Riccardo Laganà; Alberto Fabris live electronics e il multistrumentista Francesco Arcuri. Il tour inizierà in Italia Italia a febbraio, dove Ludovico tornerà in estate, non prima di aver suonato in Europa, dove sono da segnalare fra tutte, due date già sold out al Barbican di Londra e l’esibizione per la prima volta all’Olympia di Parigi. A maggio l’artista sarà in Canada, Stati Uniti e in Asia.

Ludovico Einaudi, nato a Torino il 23 novembre 1955, è un compositore e pianista italiano conosciuto e apprezzato nel mondo per i suoi concerti, le celebri colonne sonore e la sua carriera discografica. Trasferitosi a Milano, si diploma in composizione al Conservatorio Verdi e si perfeziona sotto la guida del compositore Luciano Berio, suo indimenticato maestro a cui ha di recente reso omaggio con l'opera-tributo The Elements, prodotto dalla Fondazione Musica per Roma per la stagione di Contemporanea 2012 dell'Auditorium della Musica. Musicista curioso e aperto a nuovi incontri e sperimentazioni, incrocia le avanguardie musicali e i suoni ancestrali alle melodie jazz, al rock e alla musica contemporanea non tralasciando particolari e inaspettate incursioni nell'elettronica e sperimentazioni anche nella musica etnica e nel pop. Nel corso della sua carriera collabora con artisti provenienti da diverse estrazioni musicali tra cui: Ballakè Sissoko, Djivan Gasparijan, Mercan Dede, Robert e Donald Lippok.. Le sue composizioni sono esempio di musica trasversale, rappresentano un ponte tra le melodie classiche e il pop; ne è un esempio il fatto che è stato l’unico artista di musica classica ad aver partecipato alla prima edizione dell’ITunes Festival (nel 2007) accanto ai più popolari artisti e gruppi rock del mondo (tra i tanti Oasis, Placebo e Franz Ferdinand). Alcuni brani tratti da Divenire e da Una Mattina sono ancora in classifica tra gli album più venduti dell’ITunes Music Store. Una minuziosa ricerca di ispirazioni creative e numerose esperienze musicali segnano la sua carriera e il suo percorso artistico: "c'è qualcosa che viene dalla classica ma ho influenze di differenti musiche che ho sperimentato nella mia vita, da quella africana al folk e al rock", ha dichiarato al The Telegraph in occasione delle celebrazioni per le Olimpiadi 2012, dove ha partecipato come unico musicista italiano esibendosi a Trafalgar Square al BT River of Music. Al magnetismo del suo linguaggio semplice e originale caratterizzato da un tocco lieve e un suono avvolgente non è sicuramente facile sottrarsi. Nei suoi fortunati tour in giro per il mondo vede il “tutto esaurito" alla Royal Albert Hall di Londra (città in cui nel 2013 due concerti programmati al Barbican sono già sold out), nei più importanti palchi degli Stati Uniti (San Francisco, Washington, New York), in Canada (Montreal, Toronto), in Asia (Hanoi, Bangkok, Shanghai, Tokyo). Lo strepitoso successo riscosso in Cina ha portato il National Center for Performing Arts di Pechino (NCPA), prestigiosa istituzione culturale cinese, a commissionargli una composizione dedicata ai temi ambientali che sarà eseguita dall'orchestra residente in prima mondiale a Pechino nel giugno 2013. Il grande successo di Ludovico Einaudi inizia a fine anni Novanta, anni in cui si dedica a un'indagine approfondita sulla canzone strumentale. Nel 1990 pubblica Stanze,16 composizioni interpretate dall’arpa elettrica di Cecilia Chailly e nel 1996 Le Onde, album della svolta in cui compone e interpreta un ciclo di ballate per pianoforte ispirato dall'omonimo romanzo di Virginia Woolf. La ricerca e la sperimentazione musicale proseguono in Eden Roc (1999), con l'aggiunta di un quintetto d'archi e con la collaborazione del grande musicista armeno Djivan Gasparijan. Gli anni Novanta segnalano inoltre l'esordio di Einaudi nel cinema; alcuni dei suoi brani sono stati scelti da Nanni Moretti per il film Aprile; seguono proficue e premiate collaborazioni a Fuori dal Mondo (Echo Klassik Preis) e Luce dei miei occhi (Italian Music Awards) di Giuseppe Piccioni, Dr Zhivago di Giacomo Campiotti (Gold Word Medal New York Film Festival), Sotto Falso Nome di Roberto Andò (Best Filmscore Avignon Festival) fino al più recente This is England dell’inglese Shane Meadows (Best British Film-Bafta 2008). Alcuni brani di Ludovico Einaudi sono nella colonna sonora (raccolta in un album già disco di platino) di Quasi amici-Intouchables di Éric Toledano e Olivier Nakache, film campione di incassi in Francia nel 2011. Gli anni zero cominciano con la fase africana. Nel 2001 esce I Giorni, raccolta di brani per piano solo ispirata da un viaggio in Mali durante il quale Einaudi incontra il maestro della kora Toumani Diabate. In Mali ritornerà nel gennaio 2003 per partecipare alla terza edizione del Festival au Désert. Questa volta a riportarlo in Africa è Ballaké Sissoko, altro mostro sacro della kora, con il quale pubblica l’album Diario Mali. Il 2003 è caratterizzato da puntuali "tutto esaurito” in Italia e all'estero, a cominciare dalla Gran Bretagna dove esce la raccolta dei suoi successi Echoes (The Einaudi Collection); a marzo 2003 è in cartellone alla Scala di Milano e registra il doppio live LaScala:Concert 03 03 03, che contiene i suoi brani più noti e un omaggio al rock con una versione di Lady Jane dei Rolling Stones. Quando nell’autunno del 2004 pubblica Una mattina, primo album firmato con la Decca, il disco schizza al primo posto delle charts britanniche di musica classica. Il 2006 è la volta di Divenire (Decca), registrato in Inghilterra con la Royal Liverpool Philarmonic Orchestra, album di grande successo di critica e di vendite (disco d'oro in Italia). Da questo momento Einaudi inizia un tour europeo pressoché infinito e nel 2008 si esibisce per la prima volta anche negli Stati Uniti, in Giappone e in India. Nel 2009 fonda il gruppo Whitetree con i tedeschi Robert e Ronald Lippok già membri dei To Rococo Rot con cui incide Cloudland. Sempre nel 2009 con Nightbook, terzo lavoro su etichetta Decca, Ludovico Einaudi parte per un tour mondiale nei più importanti teatri, con l'obiettivo di portare le sonorità originali del disco ottenute amalgamando pianoforte, archi, percussioni ed elettronica al grande pubblico. The Royal Albert Hall Concert (2010) è il doppio cd e dvd della performance del Nightbook Tour registrato nella storica sala da concerti londinese. Il 2010 e nel 2011 lo portano in Puglia, a Melpignano, con il ruolo di Maestro Concertatore di due edizioni del festival La Notte della Taranta. Nel 2011 esce il live La Notte della Taranta 2010 con l'Orchestra della manifestazione e la partecipazione di Ballaké Sissoko, Savina Yannatou, Mercan Dede accompagnato dai Secret Tribe, Justin Adams e Juldeh Camara. A novembre 2012 Ludovico Einaudi riceve dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il Premio Vittorio De Sica 2013 per il suo felice contributo alla musica per film. A gennaio 2013 esce l’album In a time lapse, subito dopo l'uscita di quest'ultimo il maestro si preparerà ad affrontare un tour mondiale