Sparatoria davanti a Palazzo Chigi

Vi diamo conto di una sparatoria che si è verifcata da poco, pochissimo davanti a Palazzo Chigi. Sono rimasti feriti due carabinieri e forse anche uno degli attentatori, che è stato arrestato, ma si teme che possano esserci più persone armate.

Uno dei due carabinieri, è stato ferito al collo e l'altro alle gambe. In un primo momento il carabiniere ferito al collo sembrava essere molto grave, ma sembra che nessuno dei due sia in pericolo di vita.

Grande preoccupazione e confusione in quello che avrebbe dovuto essere il primo giorno del nuovo governo. L'attentato si è infatti verificato, mentre i nuovi ministri stavano giurando.

Un uomo in giacca e cravatta ha sparato 6 - 7 colpi in direzione dei carabinieri di presidio. L'attentatore è un italiano, di origine calabrese, Luigi Treiti classe 1964 e domiciiato adlessandria. L'uomo, una volta arrestato, rivolto ai carabinieri avrebbe detto: "Perchè non mi sparate?".

Tutti i nuovi ministri, per motivi di sicurezza, sono rimasti a Palazzo Chigi, nella sala in cui avrebbero dovuto festeggiare.

Rimaniamo in attesa di capire cosa sia successo, se sia l'opera solitaria di uno squilibrato o un'azione organizzata che coinvolge più persone.

Il primo consiglio dei ministri è stato rimandato al pomeriggio.

Tutti gli aggiornamenti  su Ansa.it