SOS Fondazione Arena di Verona: licenziato il Corpo di Ballo

Incompetenza artistica e gestionale mettono a rischio la sopravvivenza del più grande teatro lirico all'aperto del mondo. Il Corpo di Ballo la prima vittima di questo attacco alla cultura.

In Italia, il paese delle arti, si è perso un altro pezzo di storia: il Corpo di Ballo dell’Arena di Verona è stato licenziato dal Sovrintendente della Fondazione Lirica. Motivazioni economiche, che contraddicono però gli enormi incassi del botteghino dell’Arena, cui contribuisce notevolmente lo stesso Corpo di Ballo.

L'Arena è il più grande teatro lirico all'aperto del mondo, nonché uno dei templi della lirica mondiale, ed il Balletto dell’Arena vanta da almeno 40 anni esibizioni di altissimo livello. Tra le altre, ricordiamo le rappresentazioni di “Zorba il Greco” con Vassilev e Iancu sotto la direzione dell’autore Mikis Theodorakis, “Romeo e Giulietta” con R. Bolle, “Don Chisciotte” con le étoile dell’American Ballet, “Lago dei Cigni” con J. Carreno, “Coppelia” con V. Malakov. Ha collaborato con artisti come C. Fracci e R. Nureyev e coreografi quali Bejart, M. Pistoni, Carbone, Ventriglia, Amodio, Zanella e molti altri.

Un’amministrazione cieca e sorda ha voluto sacrificare ancora una volta gli artisti, simbolo dell’identità musicale italiana, sull’altare del mero profitto economico, dimenticando la precedente sorte di quei Teatri d’Opera italiani che hanno chiuso i propri Corpi di Ballo in nome del risanamento e che oggi sono in perdita più di ieri. Questo dimostra l’irragionevolezza di questa scelta, che vuole nascondere incompetenza artistica e gestionale di chi ha la responsabilità dei Teatri.

Il Balletto in un Teatro è indispensabile anche per l’Opera lirica ed è impensabile farne a meno anche per l’immagine che esso porta al Teatro stesso. I titoli di Balletto sono sempre sold-out e riempiono il Teatro di giovani entusiasti, gli stessi giovani sui quali la politica dice di voler investire ma che in realtà ne inaridisce ogni prospettiva culturale, interferendo in ambiti non propri come quelli della musica e della danza solo per tagliare e non per investire.

L’Arena di Verona è prima in Italia per pubblico e incassi al botteghino ma è al collasso dei conti. Questa contraddizione dimostra che bisogna finalmente lavorare sulle reali competenze di chi ha l’onore di gestire questo patrimonio unico.

A Verona città d’arte e turismo, nonostante i responsabili del disastro economico della Fondazione Arena restino impuniti, i dirigenti continuano a guadagnare tutti tra i 100.000 e 200.000 Euro all'anno costringendo i lavoratori, per risanare i conti, a chiudere il Teatro per mesi e senza stipendio. In assenza, oltretutto, di garanzie di successo visto che il management del disastro precedente rimane confermato in ruoli dirigenziali.

Un Teatro d’Opera che chiude il sipario non può ambire ad aumentare il pubblico o gli incassi, senza il pubblico il Teatro è morto. Le istituzioni hanno, di fatto, abbandonato le sorti della Fondazione al punto che da anni i dipendenti hanno dovuto subire umiliazioni, sentirsi imputare responsabilità non loro, assistere ad una richiesta di liquidazione per parte del loro Presidente (il Sindaco di Verona) ed oggi il licenziamento del Corpo di Ballo; il tutto perpetrato da chi preposto in quel ruolo a tutela dell’arte e della cultura.

Ci appelliamo alle Istituzioni, economiche e di governo, nazionali ed internazionali, affinché si possa ricostituire e reintegrare il Corpo di Ballo dell’Arena di Verona e si volti pagina, facendo governare eccellenze della cultura da personalità artistiche e manageriali competenti che valorizzino e non deprimano il patrimonio umano e artistico loro offerto.

Ci appelliamo anche a tutti i mezzi di informazione e all'opinione pubblica mondiale, in modo particolare a tutti gli amanti della musica e della cultura, per far conoscere la grave crisi che colpisce, e rischia di uccidere, la Fondazione Lirica Arena di Verona.

FIALS Verona
Federazione Italiana Autonoma Lavoratori dello Spettacolo – Verona (Italy)

Per approfondimenti:
Breve storia del Corpo di ballo dell'Arena di Verona
La lettera inviata da Benoît Machuel (Segretario Generale della Federazione Internazionale dei Musicisti) al Min. Dario Franceschini (Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo del Governo Italiano) già nell'aprile 2016, nella quale si sottolineava la gravità della situazione e la necessità di provvedimenti urgenti.