Sic transit gloria mundi, immaginifico monologo fanta-storiografico al Camploy

Sic transit gloria mundi l’attessimo decimo appuntamento con la rassegna de L’altro teatro organizzata dal Comune di Verona in collaborazione con Arteven (Circuito Teatrale Regionale).
Lo spettacolo, fuori abbonamento, andrà in scena venerdì 4 marzo alle 20.45 al Teatro Camploy.

 Sic transit gloria mundi sarà interpretato da Chiara Mascalzoni con la regia di Alberto Rizzi che è anche autore del testo. Lo spettacolo è la storia inventatissima della prima donna che sarà eletta papa. Un monologo fanta-storiografico che immagina come in un futuro possibile, benché poco probabile, sul soglio di Pietro salga una donna. Una immaginifica riflessione sul ruolo della donna nella chiesa cattolica per parlare dell'esclusione delle donne dal sacerdozio, e per analizzare le ragioni storiche, teologiche e religiose della sudditanza della donna all'uomo anche nel cattolicesimo laico. Tre sono i pilastri dello spettacolo: il ruolo della donna nel passato della chiesa, la biografia inventata della prima papessa e infine una storia alternativa e possibile della chiesa attraverso le donne. Ma davvero è tanto bizzarro, intende suggerire il monologo, immaginarsi una donna papa?

Nata a Verona, Chiara Mascalzoni si è diplomata presso la Scuola di Teatro “Alessandra Galante Garrone” di Bologna. Dopo avere lavorato con registi come Reggiani, Sixty e Cavalli, nel 2009 entra a far parte di Ippogrifo Produzioni divenendone prima attrice. Da allora ha ricoperto i ruoli di protagonista in Antigone, Amleto, Hotel Shakespeare, Edipo Re, L’elefante bianco, Tutta colpa di Eva e in altri spettacoli.

Regista, drammaturgo e attore veronese, Alberto Rizzi si è diplomato in regia presso la Scuola Civica di Cinema di Milano. Come regista di teatro si è particolarmente dedicato alla tragedia greca firmando Antigone, Le baccanti, Edipo Re e Prometeo incatenato. Come drammaturgo ha scritto diversi testi, tra questi Tutta colpa di Eva sul tema dello stalking e L'elefante bianco, drammi in stile pinteriano.

Su proposta dell’Associazione disMappa e con la collaborazione del Comune di Verona, il Teatro Camploy promuovere le proprie attività artistiche e culturali rendendo più semplice la partecipazione del pubblico con disabilità. 

Prezzi
intero                        € 14,00
ridotto over 65           € 12,00
ridotto under 30         € 10,00
Prevendita tramite circuito GETICKET (numero verde sportelli Unicredit Banca abilitati 800323285) e CALL CENTER (tel. 848002008). Biglietti on line su www.geticket.it e su www.arteven.it. Servizio biglietteria anche presso BOX OFFICE (via Pallone 16 tel. 0458011154) e in teatro dalle ore 20.00 di venerdì 4.