Sexto N'Plugged, The Lumineers e RY X + Josh T. Pearson : i vincitori del contest

The Lumineers

Gli ascoltatori di Radio Popolare Verona che vincono una coppia di biglietti a testa per Sexto 'Nplugged 2016 sono:

per The Lumineers 21/07 : VALENTINA FIORINI

per RY X  22/07: ALBERTO PAN

Un grazie dalla redazione a tutti i partecipanti al contest!

~~
THE LUMINEERS [(USA)SOLD OUT] - 21 Luglio ore 21.00

The Lumineers nascono nel 2005 dall’incontro tra il chitarrista e cantante Wesley Schultz e il batterista Jermiah Fraites. Trasferitisi a Denver conoscono la violoncellista Neyla Pekarek che si unisce al duo.

 Il successo arriva nel 2011 quando il loro brano Ho Hey, una ballata corale, viene utilizzato nel serial televisivo Hart of Dixie. La canzone diventa ben presto una hit, scalando le classifiche di tutto il mondo, consacrando la band nel panorama internazionale.
 Il loro mix di belle voci, chitarre acustiche, mandolini, violino, violoncello, rullanti e gran casse percosse con energia e canzoni da cantare prevalentemente in coro, li rendono uno dei maggiori esponenti dell’alternative folk rock moderno.

Presenteranno il loro nuovo album Cleopatra, un disco che riflette ciò che è successo negli ultimi tre anni alla band e che con il suo coinvolgente sound sarà in grado di ammaliare il pubblico presente.
Web: www.thelumineers.com

RY X(AUS) - 22 Luglio ore 22.00
Ry è stato un attivissimo surfista per anni. Dopo aver pubblicato nel 2010 sotto il nome di Ray Cuming un album che non lo rappresentava minimamente, Ry decide di lasciare il music business ma, dopo un periodo passato a surfare in giro per il mondo, il giovane australiano ricomincia a fare musica, portando avanti diversi progetti (tra cui The Acid e Howling) e collaborazioni e ritrovando, lontano dall’industria discografica, il piacere di suonare e comporre. Nel 2013 esce l’Ep “Berlin”: essenziale e diretto, ottiene un incredibile quanto inaspettato successo radiofonico.

Il tema centrale di questo nuovo lavoro pubblicato a fine aprile è l’isolamento e la voglia di riconnettersi con la parte più profonda e pura di se stessi. Chitarra acustica, arrangiamenti minimali, testi scarsi ma intensi ed un’emotività diretta e spontanea caratterizzano “Dawn”. Ascoltando l’album si ha davvero la sensazione di essere in una stanza con Ry che suona la chitarra. “Dawn” rappresenta un traguardo e un nuovo punto d’inizio di una carriera che siamo certi sarà lucente. “I’m just being honest. I want to bare my heart and get naked for people…” RY X

~~JOSH T. PEARSON - 22 Luglio ore 21.00

Cantautore originario del Texas, membro fondatore dei Lift To Experience, il suo debutto solista risale al 2011, dopo un lungo periodo di isolamento.

Tra le migliori voci maschili degli ultimi anni (Guy Garvey, Elbow), in concerto a Sexto’nplugged in apertura a Ry X

“Compelling” THE MIRROR ★★★★

“America’s lost genius returns” MOJO ★★★★

“stone cold masterpiece…” UNCUT ★★★★★ Album of the Month

“It’s a beautiful piece of writing set to music, flawless in its way… a modern classic.” THE TIMES ★★★★★

Dopo la breve ma intensa carriera dei Lift To Experience (il loro unico album “The Texas Jerusalem Crossroads” fu acclamatissimo dalla stampa) Josh T. Pearson ha vissuto i successivi dieci anni lontano dai riflettori. Nel 2011 il debutto solista con “The Last Of The Country Gentlemen”. Pubblicato su etichetta Mute e registrato nell’arco di due anni in uno studio amatoriale di Berlino,  l’album è di un’intimità estrema. La voce sofferta di Josh, la sua chitarra graffiante e occasionalmente un tocco gelido di violino e di pianoforte malinconico sono gli strumenti per raccontare il dolore profondo di un uomo che ha perso la fede in dio e nell’amore.

Nativo del Texas, Josh T. Pearson inizia la sua carriera nel 1996 con i Lift To Experience, band che durerà il tempo di un abum (“The Texas-Jerusalem Crossroads”, 2001), destinato però a diventare un disco di culto per gli anni a venire. Il lavoro si muove sulle direttive rock-noise ed è letteralmente imbevuto di contenuti sacri ispirati alla Bibbia. L’esibizione dei Lift To Experience al prestigioso festival South By Southwest di Austin impressiona Robin Guthrie della Bella Union, che mette immediatamente sotto contratto la band. Pearson scopre successo e notorietà, ma non è pronto ad affrontarli: troppo puro e integralista per accettare di las­cia­rsi stru­men­tal­iz­zare come merce, di vedere le sue parole di fede storpiate per scalare le classifiche indie. Così fa perdere le sue tracce, passa un po’ di tempo a fare l’inserviente in una chiesa sperduta nel cuore del Texas e infine si trasferisce a Parigi.
 Ma è a Berlino, nel 2010, che finalmente rompe il silenzio e registra il suo primo disco solista, “Last of the Country Gentlemen” che riscuote un grande successo e lo rilancia sulla scena internazionale.

www.facebook.com/joshtpearson