Rete Sociale per il Diritto alla Casa

rete diritto alla casa

Pubblichiamo il comunicato diffuso dal KAAV che racconta la giornata di sabato 8 febbraio, quando si è tenuto il presidio sotto la prefettura per il diritto alla casa. Il prossimo appuntamento è sabato 15 febbraio per un assemblea per decidere come proseguire il percorso contro gli sfratti e per trovare soluzioni al crescente problema della casa.

***

*8 FEBBRAIO 2014: ASSEDIO ALLA PREFETTURA: VOGLIAMO REDDITO, DIRITTI, CASA e DIGNITÀ PER TUTT* !*

*VOGLIAMO TUTTO, E SOPRATTUTTO UN TETTO!

*Questo il grido che stamattina si è levato da piazza dei Signori, sotto la sede della Prefettura di Verona. Circa duecento i manifestanti accorsi a gridare la loro rabbia per l’intollerabile situazione di emergenza sociale ed abitativa che, a causa della crisi e delle misure di Austerity imposte dall’Unione Europea, sta attraversando anche un territorio tutto sommato benestante come quello di Verona.

Fasce sempre più larghe di popolazione vengono investite dalla crisi,
perdono il lavoro, non riescono a far fronte alle spese per la
sussistenza delle loro famiglie. Gli enti pubblici (come l’AGEC e
l’ATER) dovrebbero farsi garanti, in un tale momento di emergenza
sociale, della tutela dei diritti delle classi più in difficolta. Invece
il DIRITTO alla CASA viene puntualmente e sistematicamente ignorato.
Anzi, questi enti sono in prima fila nella linea della “tolleranza zero”
sugli sfratti.

È vergognoso che l’AGEC, dopo gli scandali che recentemente hanno
coinvolto l’amministrazione Tosi, cerchi di rifarsi un’immagine
immacolata e pulita a scapito di famiglie che vivono sulla propria pelle
i disastri prodotti dalle politiche abitative di Governo, Regione e
Comune. Solo la settimana scorsa, per l’ennesima volta, sono stati
regalati miliardi alle banche attraverso un decreto del Governo Letta. È
evidente che per interrompere questa spirale di ingiustizie, è
necessario spezzare il ciclo che continua ad accrescere le grandi
rendite finanziarie e a regalare soldi a chi alimenta il circolo vizioso
del profitto speculativo. *IL REDDITO VA RIDISTRIBUITO A CHI NE HA
NECESSITÀ!*

La situazione può essere risolta anche subito: *BLOCCANDO GLI SFRATTI* e
*METTENDO A DISPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE SENZA CASA GLI APPARTAMENTI
SFITTI DI PROPRIETÀ PUBBLICA!*

È necessario allargare ancora di più la composizione sociale della
lotta: lavoratori precari, migranti, studenti e disoccupati vivono tutti
lo stesso problema: i costi di una crisi prodotta dalle scellerate
politiche neoliberiste degli ultimi decenni vengono scaricati su di
loro! Organizzandoci e mettendoci tutt* in gioco possiamo ribaltare i
rapporti di forza che ci schiacciano e costruire quei percorsi autonomi
(come la Rete Sociale per il Diritto alla Casa Verona) che rispondano ai
nostri bisogni, che ci permettano di realizzare le comuni necessità.

_Dopo il primo appuntamento di stamattina ci ritroveremo in ASSEMBLEA
sabato 15 febbraio alle ore 15.00 per DISCUTERE ASSIEME COME CONTINUARE
QUESTO PERCORSO DI LOTTA COLLETTIVO._

__

TANTE LOTTE, UN’ UNICA LOTTA: FIGHT CAPITALISM!

Kollettivo Autonomo Antifascista Verona

http://kollettivoautonomoantifascista.noblogs.org/post/2014/02/08/8-febbraio-2014-assedio-alla-prefettura-vogliamo-reddito-diritti-casa-e-dignita-per-tutt/