Quasi Adatti: Sabato Motta alla Festa Indipendente, Latteria Molloy - Brescia

motta

Quasi Adatti: Sabato Motta alla Festa Indipendente, Latteria Molloy - Brescia

Sabato 17 dicembre torna Quasi Adatti - La Festa Indipendente con un altro attesissimo ospite, reduce da un tour estivo di grande successo e da due prestigiosi riconoscimenti: la Targa Tenco per la "miglior Opera Prima" e il premio PIMI SPECIALE 2016 del MEI come "artista indipendente più rilevante".

Latteria Molloy - LALA Booking - indiEalet Music Festivalt - Musica da Bere - presentano:

MOTTA
- la fine dei vent''anni in tour / nei club -
@ QUASI ADATTI - La Festa Indipendente
appuntamento ✔ SABATO 17 DICEMBRE
alla LATTERIA MOLLOY, Via Marziale Ducos 2/b – Brescia

gli orari di sabato: Quasi Adatti - MOTTA alla Festa Indipendente

- h. 20.00 apertura locale, biglietteria, streetfood, cucina, stand del midimarket

- h. 20.45 nel salotto Spigolandia del piano 1 cena / intervista con MOTTA e con i MALKOVIC a cura di Musica da Bere. Prenotare un tavolo non costa nulla (si paga quello che si mangia) ma la prenotazione è gentilmente richiesta (info@latteriamolloy.it)

- h. 22.00 openig: Malkovic

- h. 23.00 MOTTA on stage


- h. 24.30 #discolabirinto, il dj set di Sergent Lobanovski dedicato agli ultimi 20 anni di musica indipendente italiana

__________________________________________

➊ LIVE MUSIC. Ad ogni appuntamento il concerto dei big della scena indipendente. Il 17 dicembre > sul palco MOTTA 

➋ DISCO LABIRINTO. Dopo il concerto sarà il momento di ballare e cantare tutto il meglio degli ultimi 20 anni di musica alternativa italiana. Alla consolle ► Sgt. Lobanovscki mixerà le più indimenticabili hit, dai Subsonica ai Tre Allegri Ragazzi Morti, dagli Afterhours a I Cani, passando per Caparezza, Bluvertigo, i Ministri, Marlene Kuntz, Zen Circus, Baustelle, Lo Stato Sociale, Bugo, Verdena, CSI-CCCP, Calcutta, Fask, 99 Posse, Cosmo, Perturbazione, Sick Tamburo, Le Luci della Centrale Elettrica eccetera eccetera eccetera.

➌ OPENING. Prima del concerto dei big ad ogni appuntamento ci sarà spazio per nuove leve della musica alternativa italiana.
Prima di Motta sul palco i MALKOVIC.

➍ OPEN SPACE. Conosciamo meglio i nostri artisti. Prima dei loro concerti, e prima dei gruppi spalla, alle ore 20.45 al Piano 1 della Latteria Molloy gli artisti e le band ospiti (in questo caso MOTTA e i Malkovic, si lasceranno intervistare dagli amici di Musica da Bere. L'intervista è aperta al pubblico e le domande sono ben accette!

➎ FOOD > Al Piano 1 della Latteria dalle ore 20.00 aperta la cucina (hamburger, taglieri, insalate, piadine, pizza, patatine). La prenotazione del tavolo non costa nulla (si paga quello che si mangia), ma è gentilmente richiesta (scrivere a info@latteriamolloy.it)

➏ STREET FOOD. Ad ogni appuntamento di Quasi Adatti nel cortile della Latteria sbarcheranno i massimi esponenti dello street food di Brescia e provincia. Dolce e salato, sfizioserie per tutti i palati. Sabato 29 ottobre ospite: La Stationette

➐ MIDI MARKET. Oltre allo spazio dischi della musica indipendente italiana allestito da Kandinski, Quasi Adatti sarà un gran bazar alternativo, dall'abbigliameto agli strumenti musicali. Ci saranno I Love Vintage, Kandinscky, Spigolandia, Cotelli -- Vintage Custom Guitar e sicuramente anche tanti altri stand e espositori

__________________________________________

$ $ $ BIGLIETTO DI INGRESSO: 8,00 € dall'inizio alla fine.
(Il prezzo è sempre lo stesso per tutti gli appuntamenti, tranne un paio con ospiti giganti che costeranno qualcosina di più)
NON SERVE PIU' LA TESSERA. Non c'è prevendita, i biglietti saranno disponibili la sera stessa a partire dall'orario di apertura del locale, h. 20.00.

________________________________________

QUASI ADATTI non è una festa mesta, non è il varietà che annoia la città. E’ LA FESTA INDIPENDENTE.
Ci muoviamo fuori dal tunnel in cerca di una nuova ossessione. oltre la fine dei vent’anni, a cercare quello che non c’è. E' vero, non vogliamo crescere, andate a farvi fottere. Senti questa qui che bella! La musica si spara in endovena, al massimo volume: non avremo bisogno di medicine, psicofarmaci, lexotan. Qua si sta svegli finché non muore la speranza, maledetta stronza.

Le nostre notti sono migliori dei vostri giorni e troveremo la nostra luna fra milioni di stelle, fra miliardi di costellazioni, fra bilioni di satelliti: questa notte tutto è sospeso in bilico tra la vita e la morte. Sarà quasi nirvana, e tra le nutellate di deliri ci piacerà ballare più di quanto non ci piaccia già: il bon ton non c’entra. A cosa ci serve? Resteremo qui a placare la nostra voglia di infinito tutta la notte, tutta la notte. Quando il sole sorge ci cacceranno via, che poi chiudono il locale. E anche se non ci ricorderemo dove abbiamo messo la golf, c’importerà na sega! Ce ne andremo a casa, e non so di chi. BUONGIORNO, BUONAFORTUNA!
✖ VIETATO L’INGRESSO a quelli che ben pensano, ai turisti della democrazia, ai qualunquisti e ai maledetti supercafoni italiani (andate tutti affanculo)

__________________________________

MOTTA - “LA FINE DEI VENT'ANNI” (Etichetta SUGAR 2016)

C'è scritto “ FINE ”, ma in realtà è l’inizio. Di una nuova prospettiva artistica, di una nuova visione, musicale certamente, ma anche di se stesso. “La fine dei vent'anni” è il primo disco di MOTTA, ma non di Francesco, una delle anime e la penna che ha vergato le parole con cui i CRIMINAL JOKERS, in due dischi, hanno espresso in maniera elettrica e vitale l’urgenza dei propri vent’anni.

Poi il tempo scorre, le esperienze si accumulano, i punti di vista si spostano, leggermente, e fanno emergere altri suoni, altre parole, adeguate al momento artistico ed umano vissuto da questo straordinario musicista.

La versatilità è cosa che non gli manca. MOTTA è un polistrumentista prezioso che ha prestato negli anni la propria capacità a una Signora del Rock come NADA (con lei al basso, alla chitarra e ai cori), ai PAN DEL DIAVOLO (qui alla batteria, e in piedi), agli ZEN CIRCUS (come tecnico del suono) e a GIOVANNI TRUPPI (alla chitarra e alla tastiera). Su “La fine dei vent’anni” decide finalmente di metterci la faccia e il cuore. Non solo il cognome. Per questo cambio radicale di direzione - non di intensità - MOTTA chiama a sé Riccardo Sinigallia, tra i migliori produttori ed autori italiani (già con Niccolò Fabi, Max Gazzè, Tiromancino, Luca Carboni, Filippo Gatti, Coez), persona dalla sensibilità e dalla visione adatta ad un disco vario ed eclettico come questo.

 

PROSSIMO APPUNTAMENTO CON QUASI ADATTI - LA FESTA INDIPENDENTE:
28 gennaio - Quasi Adatti - Nicolò Carnesi alla Festa Indipendente