Nancy Brilli con La Bisbetica Domata debutta al Teatro Romano in prima nazionale

Il secondo appuntamento del 67°Festival Shakespeariano dell’Estate Teatrale Veronese è con La bisbetica domata in scena dal 22 al 26 luglio alle 21.15.

Ne sarà protagonista, in prima nazionale, Nancy Brilli che per l’occasione debutta al Teatro Romano. A Caterina la Brilli conferirà una verve e una grinta particolari. Gli altri interpreti della commedia saranno Matteo Cremon, Federico Pacifici, Gianluigi Igi Meggiorin, Gennaro Di Biase, Anna Vinci, Dario Merlini, Brenda Lodigiani, Stefano Annoni e, nel ruolo del Dr. Jolly, Valerio Santoro.

La commedia è tutta giocata sullo scontro tra due mondi che sembrano agli antipodi: quello femminile e quello maschile. In passato al Teatro Romano il ruolo è stato interpretato, tra le altre, da attrici di talento come Anna Maria Guarnieri, Valeria Moriconi, Carla Gravina, Mariangela Melato e Anna Galiena.
Quest’edizione, a firma di Cristina Pezzoli (allieva di Massimo Castri), è, in una sorta di ribaltamento dei ruoli, una Bisbetica dalla parte della donna. Lo spettacolo, che è prodotto dalla “Pirandelliana”, si contraddistingue infatti per essere coniugato soprattutto al femminile, quindi dalla parte di Caterina lasciando a Petruccio, futuro marito della scorbutica donna, un ruolo più marginale.

È dunque l’irascibile Caterina-Nancy Brilli a tirare le fila della vicenda, in nome anche di un’età più matura rispetto a quella di Petruccio, il coprotagonista cui è riservata una parte più defilata. L’adattamento è stato, dice Stefania Bertola che ha curato la traduzione, «un gioco complicato. Come un acrobata, bisogna restare in bilico, non perdere nulla della meraviglia di Shakespeare, ma rendere questa meraviglia il più possibile vicina allo spettatore di oggi, come lo era al tempo dell'autore. E quindi tradire amando molto, se così si può fare. Per questo gli attori presentati nella cornice dell’opera shakespeariana avranno lo stesso nome dei personaggi che interpretano. Lo spettacolo diventerà dunque la storia di una messa in scena della Bisbetica domata».
Brevi scene di cornice si alterneranno alle scene della Bisbetica domata di Shakespeare, portandoci dall'inizio delle prove alla sera della provagenerale con un meccanismo che consente di sveltire alcune lungaggini della storia potenziandone i meccanismi metateatrali.

«Non mi interessava – dice la regista Pezzoli – fare un allestimento “femminista” e trasformare Caterina in una specie di eroina martire vittima di un Petruccio  mostruoso che la riduce all’obbedienza attraverso l’esercizio crudele e ottuso della violenza. Quasi nello stile di un’opera pop e con forti valenze comiche e surreali, lo spettacolo racconta – con i meccanismi del “teatro nel teatro” – l’allestimento burrascoso di una Bisbetica domata con il regista che se ne va dopo numerose liti col produttore». Sulla falsariga di Nel bel mezzo di un gelido inverno (1995) di Kenneth Branagh e di Vanya nella 42esima (1994) di Louise Malle, il testo da rappresentare e il vissuto degli attori s’intrecciano in un gioco metateatrale che consente ulteriori chiavi di lettura.

Giovedì 23 luglio alle 17.30 presso la Biblioteca Civica si terrà l’incontro con il pubblico all’indomani della prima. Saranno presenti Nancy Brilli e gli altri interpreti.

regia Cristina Pezzoli
scenografia Giacomo Andrico
costumi Nicoletta Ercole
realizzati dalla Sartoria Tirelli
luci Massimo Consoli
musiche Alessandro Nidi

personaggi ed interpreti (in ordine di apparizione)
Lucenzio       Stefano Annoni
Bianca           Brenda Lodigiani
Ortensio        Gennaro di Biase
Grumio          Igi Gianluigi Meggiorin
Petruccio       Matteo Cremon
Tranio            Dario Merlini
Dr Jolly          Valerio Santoro
Caterina        Nancy Brilli
Gremio          Federico Pacifici
Vedova          Anna Vinci