Mi chiamavano Principessa... Verona dice NO alla violenza contro le donne

Per il  25 novembre, la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Verona dice NO alla violenza. Per l'occasione infatti, il Comune della città ha accolto tutte le iniziative organizzate dalle tante associazioni in occasione di questa importante data e le ha inserite in un’unica locandina.

A  partire da venerdì  18 novembre, fino a sabato 17 dicembre, presso il Palazzo della Gran Guardia, il Polo Zanotto dell'Università di Verona e altri luoghi della città prenderanno corpo le iniziative delle associazioni impegnante nella lotta alla violenza di genere. L’invito è quello di scegliere uno o più eventi e di parteciparvi: aumentare la propria consapevolezza è un primo passo per combattere attivamente la violenza contro le donne.

Nel 2015 IRIS, il Coordinamento dei Centri antiviolenza del Veneto, ha gestito le richieste d’aiuto di quasi 1700 donne; a Verona, Telefono Rosa, dall’inizio dell’anno, ha dato sostegno a più di cento donne.

Tra gli altri vi segnaliamo lo spettacolo di e con Gian Antonio Stella, che si terrà il 25 novembre alle 21 presso il Polo Zanotto - Aula T3: "Maledette suffragette. Storie canti e immagini della lotta per l'emancipazione delle donne" promosso dal CUG dell'Università di Verona e dall'Associazione Isolina e... con il patrocinio dell'Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Verona. Lo spettacolo ripercorre la storia dell’emancipazione femminile.

È proprio attraverso il teatro  che quest'anno Telefono rosa  si è impegnato con Amnesty international a portare la propria esperienza nelle scuole, coinvolgendo i ragazzi e le ragazze nel percorso educativo che è la base dalla quale partire per scandire forte e chiaro il nostro NO alla violenza di genere e a tutte le violenze.