Mercoledì 3 luglio a Verona: Marcia Restiamo Umani

marcia restiamo umani

MARCIA RESTIAMO UMANI
TAPPA SAN BONIFACIO - VERONA
MERCOLEDÌ 3 LUGLIO 

ore 19
ritrovo in Piazza Santa Toscana
(Veronetta)
verso Vicolo Pozzo 1
Missionari Comboniani
(San Giovanni in Valle) 
Verona 

È partito da Trento lo scorso 20 giugno, Giornata mondiale del Rifugiato, sarà a Verona mercoledì prossimo, 3 luglio. Marcerà tutta l’estate, per arrivare il 20 ottobrein piazza San Pietro, da papa Francesco. 

L’attivista per i diritti umani John Mpaliza, meglio conosciuto come peace walking man (il camminatore per la pace) ci chiama tutte e tutti a partecipare alla MARCIA RESTIAMO UMANI, strumento nonviolento attraverso cui mandare un messaggio chiaro alla politica e, in particolare, a chi lucra sulle difficoltà e sull’insicurezza dei più deboli: siamo tutte e tutti uguali, i diritti sono universali, abbattiamo i muri e costruiamo ponti, restiamo umani.

L’idea è marciare insieme a tante cittadine e cittadinie riuscire a organizzare incontri in varie città per ribadire che non siamo d’accordo con questo clima di disumanizzazione che questa cattiva politica ci sta imponendo con la forza e con leggi anticostituzionali e che siamo in tanti e tante a non pensarla così.

La Marcia Restiamo Umani è un evento nazionale a tappe, che coinvolge più persone, associazioni, organizzazioni e reti possibili, locali o nazionali, nella speranza che, a loro volta, organizzino una tappa locale e un momento di confronto sui temi dell'accoglienza, di abbattimento dei muri e costruzione di ponti tra le culture, dei diritti per tutti, sulla legge (in)sicurezza, con l'augurio di arrivare a proposte/idee e piste di soluzione per una resistenza attiva e positiva.

Il punto di incontro a Verona, mercoledì 3 luglio ore 19.00, sarà in piazza Santa Toscana (Veronetta). La marcia si dirigerà verso vicolo Pozzo 1, presso la casa dei Missionari Comboniani, dove sarà allestito un punto di accoglienza e ristoro sul parco (tutte e tutti sono invitati a portare qualcosa). 

Seguirà un momento di condivisione di impegni e servizi nel campo delle migrazioni dopo il Decreto sicurezza bis con le varie realtà presenti e le comunità africane.