Marlene Kuntz@ Emporio Malkovich, Verona 24 Ottobre: Live Report

Marlene Kuntz Catartica Tour 994 / 014 - 24 Ottobre 2014  Emporio Malkovich (c/o Pika Live Club - via Salisburgo 10/c)

La band cuneese approda a Verona regalandoci fantastiche suggestioni lontane nel tempo per festeggiare degnamente i 20 anni del loro seminale album “Catartica”.

“ Do you remember?” si canta nel ritornello di Trasudamerica e di cose da ricordare durante questo concerto ce ne son state davvero tante. I Marlene stanno celebrando in tour il ventennale di Catartica, il loro primo lavoro che li portò subito all’attenzione  di pubblico e critica in quel lontano 1994. Loro che non son soliti festeggiare i propri di compleanni, per Catartica han voluto fare un’eccezione e hanno avuto un’idea tanto semplice quanto deliziosa: ripescare 7 pezzi (tutti inediti, tranne Donna L, provenienti dal periodo di Catartica che non han trovato spazio né nel primo album né nel successivo Il Vile) e risuonarli in presa diretta. Tutto questo materiale è stato fatto uscire il 16 settembre scorso nell’album “Pansonica”.

Questo immancabile tour per tutti i fan della prima ora prevede l’esecuzione di tutta Catartica piu’ ovviamente il materiale ripescato inPansonica. Il gruppo si fa desiderare parecchio mentre il Circolo Pica Live Club, nuova sede del Malkovich, si riempie a dismisura e addirittura un gatto adocchiato nel parcheggio decide di entrare a vedere come butta. Il gruppo sale sul palco verso le 23. Cristiano Godano in immancabile pantalone nero e camicia bianca attillata attacca subito senza fronzoli con Mala Mela e la celebrazione ha inizio. Il pubblico che si ritrova di fronte è eterogeneo ma con punte di percentuale maggiore verso gli “anta”e ciò è testimoniato dal fatto che la maggior parte dei presenti in sala è riuscita a godersi il concerto senza per forza tirar fuori uno smartphone e fotografare, registrare, chattare, twittare, navigare. Oblio e Parti aprono il filone di “Pansonica” mentre con Lieve e Trasudamerica si ritorna ad omaggiare “Catartica” e l’intero concerto prevede questa alternanza. La versione live di Sig. Niente è da brividi ed esaspera tutta la potenzialità teatrale di Godano…

Si prosegue con l’interessante riff di Capello Lungo, ma è con Merry X-Mas che il pubblico finora partecipe ma calmo, inizia l’immancabile “pogo” che caratterizzava parecchio in effetti gli anni 90 e deborda ovviamente gli argini durante l’ esecuzione di MK che chiude la prima parte del concerto. I 4 ritornano sul palco per Ruggine, Festa Mesta, una sontuosa e ipnotica Sonica raggiungendo il gran finale con Nuotando Nell’Aria. Si chiude con Cometa quasi a voler ricordare al pubblico che oggi i Marlene non sono più quelli di vent’anni fa e nemmeno il loro sound… ma ragazzi quanta gioia ci avete dato con la veemenza di un tempo. E’ stata davvero una festa fantastica e non certo mesta... e lo sappiamo dai che vi state divertendo un casino anche voi a suonare così!

Gionata Risegato