Lo strano sondaggio di AGSM. D'Arienzo: "I soldi della luce e del gas finanziano Tosi?"

E' in corso un sondaggio telefonico sulla qualità del servizio di AGSM, ma… per valutare quanto vale oggi Tosi.

Una voce femminile straniera, molto gentile, dall'altro capo del telefono chiede se può fare domande per valutare la qualità del servizio di AGSM. Le prime domande sono normali: conosce AGSM? Il servizio è soddisfacente? Cosa migliorerebbe? E via di questo passo. Poi arriva il bello: conosce il sindaco Tosi? Cosa ha votato alle comunali? È contento di Tosi? Cosa pensa di Verona? Ecc...

Pensavo d'aver visto tutto, mai avrei immaginato il sondaggio nascosto.

Chi ha commissionato l'indagine? Se è stata AGSM, e quindi, pagato con i soldi del bollette, come mai si testa il consenso su Tosi? E se è stato qualcun altro a pagare, perché si mischia un sondaggio politico con la qualità del servizio su gas ed energia?

Penso sia necessario che qualcuno chiarisca immediatamente. AGSM non solo prende soldi dei veronesi, ma è lei stessa un'azienda dei veronesi. Si è mai visto che un'azienda pubblica fa sondaggi politici?

Se fosse confermato che è stato AGSM sarebbe clamoroso. Non cala le bollette, neanche per chi è in difficoltà e poi paga sondaggi politici.

Innanzitutto come utente AGSM chiedo di sapere se i miei soldi sono stati spesi a sostegno di Tosi e perché.

Vincenzo D'Arienzo
deputato Pd