L'associazione River trasforma i giardini di Palazzo Bocca Trezza

L'associazione RiVer presenta Limina Naturalia, domani, venerdì 26 maggio, dalle 18:30 alle 23, ai  Giardini del Palazzo Bocca Trezza, già sede del Liceo Artistico Nani, cuore pulsante di Veronetta, da cui può partire una ri-nascita dell'intero quartiere.  

Per l'occasione i Giardini di Palazzo Bocca Trezza si trasformeranno nella cornice di un evento di contaminazione trasversale che spazia tra musica, arte e intrattenimento con la direzione artistica di Verona Risuona. Va letta proprio nell'ottica di sinergia che contraddistingue le iniziative targate RiVer, l'importante collaborazione con Verona Risuona, progetto promosso dal Conservatorio Dall'Abaco, dall'Accademia di Musica e Teatro di Göteborg e dall'Accademia di Belle Arti di Verona sotto il coordinamento dell'associazione DiplomArt. Venerdì 26 maggio, dall'orario di aperitivo e fino alle 23, si susseguiranno performance artistiche e musicali curate da Francesco Ronzon, docente di antropologia culturale all'Accademia di Belle Arti di Verona, che culmineranno con l'esibizione dei Mother Island, gruppo rock-psych di Vicenza.
 
L'ingresso all'iniziativa è libero e gratuito.
Qui l'evento Facebook.
 
RiVer - Primavere Urbane, giovane per nascita e per età media dei suoi membri (tutti under 35), realizza eventi di carattere ricreativo culturale in luoghi dimenticati o poco utilizzati della città, non per sfruttarne la cornice, ma per promuovere contaminazioni e riconquistare gli spazi, innovandoli. Concerti, performance artistiche, eventi enogastronomici, proiezioni cinematografiche e spettacoli teatrali, sono stumentali a riavvicinare . RiVer è un nome pensato, inclusivo così come è l'approccio dell'associazione verso i suoi obiettivi, un nome che contiene l'idea di ri-valutazione e ri-nascita, ma anche di una primavera, ver, che sboccia dalle iniziative virtuose. RiVer è il fiume, l'Adige, ma anche la metaforica connessione che da una piccola sorgente, arricchendosi via via, giunge al mare per lambire sempre più luoghi.