L’Inferno di Mauro Ottolini

Mancano poche ore al via ufficiale dell'edizione n°22 del Film Festival della Lessinia (FFdL). Prima della partenza però una succulenta anteprima mondiale. Venerdì 19 alle 21, sullo schermo del Teatro Vittoria di Boscochiesanuova verrà proiettato Inferno, film muto di Francesco Bertolini, proiettato per la prima volta nel 1911.

Inferno, un colossal nel suo genere, vedrà l'accompagnamento musicale della colonna sonora realizzata appositamente per l'occasione da Mauro Ottolini.

In questo caso è un Inferno visto come "archetipo di tutti gli abissi, la montagna rovesciata per eccellenza, il luogo simbolico del sottosuolo" e le sue immagini riportano con forza al tema di questa ventiduesima edizione dedicata al mondo delle grotte e degli abissi. Inferno di Bertolini e la musica di Ottolini rappresentano l'evento speciale realizzato in collaborazione con la Cineteca di Bologna che ha pure curato il restauro della pellicola.

Il film, un’impresa produttiva senza precedenti per l’epoca, segnò una rivoluzione nella storia del cinema. Inferno percorre la prima cantica della Divina Commedia con una serie di quadri animati ispirati alle illustrazioni di Gustave Doré.

Mauro Ottolini dirigerà sulla scena un eccezionale ensemble di polistrumentisti, già componenti della sua Sousaphonix. Con lui, al trombone, Franz Bazzani (tastiere), Enrico Terragnoli (chitarra), Valeria Sturba (violino, theremin, elettronica), Vincenzo Vasi (theremin, elettronica, special effect, voce), Danilo Gallo (basso), Guido Bombardieri (sax, clarinetto) e Gaetano Alfonsi (batteria, elettronica).

La colonna sonora si ispira alla musica rock e, come dice Ottolini, "È musica visionaria, direi quasi pulp che si sposa con l’eccentricità degli effetti speciali di un film coraggiosissimo e sorprendente per l’epoca in cui è stato realizzato. Compaiono nella colonna sonora elementi che mi sono sembrati vicini all’Inferno: dal blues di Skip James ad un brano da Saint and the Cyber Lady di Charles Mingus. E naturalmente entreranno le sonorità tipiche della mia ricerca musicale".

Ingresso 12 euro. Prenotazione biglietti a biglietteria@ffdl.it. Info su  www.ffdl.it.