Itinerari solidali… Lontano dai luoghi comuni

Sabato 3 e domenica 4 giugno il commercio equo e solidale si mette in mostra.
Dal rione Filippini parte un viaggio alla scoperta del mondo.

Stand espositivi, concerti, laboratori, degustazioni e una sfilata di moda etica. Visite guidate ai quartieri Filippini e Veronetta, con arrivo in gommone alla Dogana Veneta.

Un viaggio alla scoperta del commercio equo e solidale. Sabato 3 e domenica 4 giugno il rione Filippini si trasformerà in base di partenza per un giro del mondo attraverso territori, culture e prodotti alimentari, seguendo percorsi attenti all’etica e alla solidarietà. È ciò che propone “Itinerari solidali… Lontano dai luoghi comuni”, manifestazione promossa dalla cooperativa no profit Le Rondini, insieme all’associazione Canoa Club di Verona

Una festa itinerante, che valorizza un quartiere. La manifestazione coinvolgerà l’intero rione Filippini, a partire da una delle cinque botteghe della cooperativa Le Rondini (con sede in via Pallone). Stand espositivi e mostre saranno allestiti in Sala Birolli (via ex Macello); degustazioni e concerti animeranno invece la storica Dogana Veneta, sede dell’associazione Canoa Club (via Dogana). Il Teatro Satiro Off (vicolo Satiro) ospiterà la proiezione di documentari, mentre alla Galleria Massella (via Dietro Filippini) esporrà lo scultore Toni Costa con “L’essenza del vuoto”.

2017, anno internazionale del turismo sostenibile. “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”, diceva Marcel Proust. Su questa suggestione è stato costruito il ricco programma di incontri, laboratori ed esposizioni, che vede oltre 30 realtà coinvolte, operanti nel commercio equo e solidale o impegnate in progetti sociali.

L’evento rientra nella campagna “Insieme creiamo un altro vivere”, promossa da Altromercato, oltre che nei progetti regionali della rete Veneto Equo, di cui Le Rondini fa parte. Particolare attenzione, quindi, sarà data allo sviluppo sostenibile: turismo responsabile, valorizzazione di culture e tradizioni, tutela dei diritti umani e dell’ambiente.

Conoscere altre economie, iniziando dai loro prodotti (anche a tavola). Incontrare una produttrice di cacao della Repubblica Dominicana, con tanto di degustazione guidata, curata da Valentina Pontorno di Altromercato. Assaggiare i caffè dell’America Latina al bar caraibico o gustarsi una bevanda a base di frutta esotica. Il viaggio sarà anche culinario, grazie al servizio di food truck, garantito da Pac’s Food. Inoltre, girando tra gli allestimenti, suddivisi per continente, si potranno acquistare prodotti tipici certificati. Alle spezie sarà dedicato anche un divertente angolo sensoriale, allestito nella bottega delle Rondini.

Viaggiare significa incontrare: la conoscenza dell’altro. L’evento sarà l’occasione per creare contaminazioni positive. Si potrà riflettere sul tema – quanto mai attuale – delle migrazioni, durante la presentazione del libro I sogni vogliono migrare. Storie di viaggi e di confini da attraversare (ed. Clichy); la giornalista Jessica Cugini dialogherà con Tito Barbini, co-autore del volume. Altri spunti saranno forniti dai documentari e dai reading allestiti con Emergency e Medici senza frontiere; il viaggio per immagini continuerà poi con le mostre fotografiche, tra cui Refuges Belgrado di Agacat Photo, a cura dell’associazione One Bridge to Idomeni.

Immergersi in altri mondi: dalla calligrafia alla sfilata di moda etica. Un laboratorio dedicato agli alfabeti del mondo: ci si potrà cimentare anche in questo, nella due giorni di “Itinerari solidali”. Un pezzo d’Africa sarà ricreato in Sala Birolli, con le sculture degli artisti Tengenenge, provenienti dallo Zimbabwe, e con i meravigliosi lavori in rafia del Madagascar. Nei vicini Giardini d’Asia, invece, si potranno scoprire i profumi del cocco e del riso, ammirando al contempo i tessuti indiani in sari riciclato, impreziositi da ricami khanta. Il tessile equo e solidale sarà il protagonista della sfilata di moda etica Auteurs du Monde (Altromercato) e Trame di storie (Altraqualità), durante la quale sfileranno i capi della nuova collezione primavera/estate. Non mancheranno poi le magliette stampate nel carcere di Genova, col progetto O’Press.

Cambiare prospettiva: la città vista con occhi nuovi. Un viaggio può essere fatto in tanti modi, anche a piccoli passi nella propria città. Per questo AMEntelibera e Planet Viaggi guideranno due visite alla scoperta dei quartieri Filippini e Veronetta (prenotazioni ai numeri: 045.7600128, 340.7739525, 345.1780368; e-mail info@viaggiamentelibera.it).

Sabato pomeriggio si potrà arrivare alla Dogana Veneta in gommone, partendo dal Chievo (ritrovo alle 16.30). Le bellezze di Verona saranno illustrate da un punto di vista inusuale e, durante il percorso, ci saranno delle degustazione di dolci preparati dalle donne del progetto “Dal Deserto al Dessert”. Per partecipare è necessario iscriversi entro la sera del primo giugno, chiamando il 347.8407167.

Giochi creativi per i più piccoli, concerti per gli adulti. I bambini, ma non solo, potranno ascoltare una fiaba dall’Africa, raccontata in tre diverse lingue, vedere lo spettacolo di burattini a cura di Favolavà o, ancora, divertirsi con giochi riciclati, grazie all’apporto del Centro di riuso creativo del Comune di Verona e all’associazione D-Hub.

Alla sera, due concerti dal vivo alla Dogana Veneta. Sabato 3 giugno si esibirà il Clan Mamacè, con musica folk e rock; domenica 4 giugno toccherà all’orchestra interculturale Mosaika.

INFO
“Itinerari solidali” si terrà sabato 3 giugno, dalle 15.30 alle 23, e domenica 4 giugno dalle 10 alle 23.
La manifestazione è a ingresso gratuito. È richiesto un contributo solo per le visite guidate ai quartieri Filippini e Veronetta (10 euro per gli adulti, gratis per i bambini) e per la traversata in Adige con i gommoni (contributo a persona 18 euro).
Organizzatori: cooperativa no profit Le Rondini e associazione Canoa Club di Verona.
Il programma completo della manifestazione è consultabile collegandosi ai siti web www.rondini.org e www.canoaclubverona.it e sulle rispettive pagine Facebook.