Intervista a Francesco Bommartini, autore di Verona Rock con Gianni Della Cioppa

Intervista a Francesco Bommartini, che ci presenta  VERONA ROCK Il libro sulla scena musicale veronese

Il libro verrà presentato dagli autori al pub Ai Portici di Povegliano, con un live dei Jansheer

E' stato pubblicato sabato 19 novembre il libro Verona Rock, dedicato alla scena musicale veronese con particolare attenzione a chi propone rock e derivazioni. Lo hanno scritto Francesco Bommartini e Gianni Della Cioppa, che lo hanno presentato la sera stessa, alle 22, nel Jack the Ripper di Roncà, locale attivo da oltre 20 anni nella promozione della musica underground. L'opera è stata completata dall'impaginazione e le grafiche di Enrico Gastaldelli e sarà pubblicata da Delmiglio Editore nella collana Urbs Picta.

In Verona Rock sono contenute oltre 20 interviste ad artisti che hanno, e hanno avuto, una rilevanza per la musica veronese. Tra questi la cantautrice Veronica Marchi (che ha recentemente partecipato ad X-Factor), i punk A.c.t.h, la new sensation C+C=Maxigross, gli ormai celebri Los Fastidios, gli heavy metallers Arthemis, i più scuri Riul Doamnei e gli hard rockers – a tinte blues - Bullfrog. Ma pure gli storici e guasconi Niù Tennici, i più recenti Younger Son, i rockers Ex, i doom addicted Epitaph. E ancora Rosenkreutz, Cherry Lips, Steve Gang, Methodica, Mothercare, Facciascura, Canadians, Regina Mab.

Sono inoltre presenti interviste ai promoter Andrea Sartori e David Bonato, ai radio speaker Gianluca Merlini e Sandro Campagnola, al critico musicale Giampaolo Rizzetto e al gestore del negozio di Dischi Volanti Carlo Scardovelli, oltre a quelle ad una decina di gestori di locali veronesi. Molti di questi hanno sostenuto attivamente il progetto, dando spazio sui loro banconi alla presenza delle copie di Verona Rock e ne ospiteranno le presentazioni.

Sono: Jack the Ripper (Roncà), Officina degli Angeli (Arbizzano), Bar The Brothers (Grezzana), Pub Ai Portici (Povegliano), Red Zone Art Bar (San Giorgio di Valpolicella), Bar La Goccia D'Oro (Isola della Scala), Ciclone Cafè (Casaleone), Circolo Arci Cao De Sora (Sandrà), The Factory (Castel D'Azzano), Sottosopra (Tregnago), Taverna del Conte (Monzambano), Il Giardino (Lugagnano), Il Posto (Illasi).

La prefazione è opera del giornalista de L'Arena Beppe Montresor, che scrive: “Francesco e Gianni hanno fatto un ottimo lavoro, che nell’impossibilità matematica di coprire tutto ma proprio tutto, ci va però molto vicino, almeno nel senso di quel che di importante, di vitale o almeno di una certa originalità, è emerso nel rock veronese negli ultimi 30-35 anni”. Questo vuole essere il primo di una serie di libri dedicati alla musica veronese.

L'intenzione è quella di “unire la Verona musicale...creando empatia tra band e locali, tra addetti ai lavori e giornalisti”. Perché, come scrive Bommartini nell'introduzione, “il mare in cui navighiamo è uguale per tutti”. Per raggiungere il risultato è stato creato un sito ad hoc, www.veronarock.it, che sarà aggiornato con le news relative alla Verona musicale. Inoltre Luca Tacconi dello studio Sotto Il Mare di Povegliano ha messo in palio una registrazione che sarà estratta tra coloro che acquistano il libro, previa invio di foto e dati personali.

Data: 
Giovedì, 1 Dicembre, 2016 - 12:20