Il M5S chiede le dimissioni di Flavio Tosi e la revoca delle delibere firmate dall’ex sindaco Vito Giacino

Per Mattia Fantinati deputato del Movimento Cinque Stelle, l’arresto dell’ex vice sindaco Vito Giacino non è che la punta di un iceberg che nel giro di breve tempo farà crollare l’intero sistema Verona e il suo “imperatore”, Flavio Tosi:«Il sindaco Tosi si dimetta immediatamente: l’arresto di Vito Giacino mette in dubbio l’operato dell’intera giunta e, soprattutto, di tutte quelle procedure urbanistiche seguite dall’ex vicesindaco».
A questo proposito basta ricordare che in questi giorni si aprirà il processo Agec, mentre prosegue l’inchiesta “Parentopoli” all’interno degli enti pubblici, senza contare lo scandalo dei superstipendi nelle aziende partecipate.

Interviene nella discussione anche Gianni Benciolini, consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle che ricorda come,  quando un anno fa,  il Movimento denunciò il probabile malaffare legato al Traforo, il sindaco Tosi reagì veementemente sostenendo che era “il solito vizio di mettere in moto la macchina del fango", che "solo una grandiosa malafede può associare termini come frode fiscale e tangenti a un'opera che deve ancora completare il suo iter burocratico-procedurale". Benciolini commenta «Speriamo che il Traforo non sia inficiato da malaffare o tangenti, anzi auspichiamo che quest'opera inutile non venga mai realizzata, ma riteniamo che i toni di Tosi di un anno fa ora debbano decisamente cambiare».