Il cielo è sempre più blu

È trascorso un mese da quando il 27 giugno scorso, decidemmo la vendita della frequenza di Radio Popolare Verona. Pensavo e pensavamo che questo avrebbe potuto suscitare importanti reazioni di una parte della città e di molte delle persone che ci ascoltano o sono interessate ad un'informazione indipendente. Ci sbagliavamo e mi sbagliavo.

Calma piatta e cielo blu.

Reazioni pochissime ma, in compenso, quattro proposte di acquisto della frequenza. Le trattative sono in corso.

Non sono sorpreso. Questa città ha smesso di sorprendermi da molto tempo. Sono però dispiaciuto per la rassegnazione e la superficialità con cui Verona ed i veronesi vivono fatti che li riguardano.

La nostra storia iniziò nel lontano 1978 con la prima Radio Popolare Verona. Nel novembre del 1982 quella splendida esperienza terminò e dopo poco, negli storici locali di Piazza Cervignano 18, approdò Radio Cento Fiori che trasmetteva su fm 104.

Al termine di quella importantissima pagina di informazione locale, dopo un periodo di pensamento, venne messa in cantiere la nuova Cooperativa Radio Popolare Verona e la testata giornalistica conseguente. Era l'inizio del 1988. Il prossimo anno quest'ultima esperienza avrebbe compiuto 30 anni e, assieme alle precedenti, avrebbe potuto festeggiare 40 anni di età. La nostra storia, almeno in fm, termina prima. Il resto è tutto da scrivere.

La vendita della frequenza di Radio Popolare Verona rappresenta una sconfitta non solo per noi, volontari che in questo progetto abbiamo investito migliaia di ore di lavoro e moltissimi soldi, ma è Verona intera ad uscirne sconfitta ed impoverita.

Ora si ragiona attorno ad un'ipotesi di radio web. Si farà o meno, questo non si sa ancora. Troppo presto, la ferita è ancora aperta e non tutti hanno il desiderio di rimettersi in gioco in una città con vocazione alla sottomissione. Lo evidenziano in tale senso i troppi voti assegnati alla Lega, partito che in Veneto fa riferimento alla Serenissima, Venezia, La Dominante. Appunto.

Agostino Mondin