Il bollo auto prende la via del web

Bollo auto, a breve l'avviso di scadenza verrà inviato solo tramite posta elettronica previa registrazione tramite web.
Penalizzati i soggetti deboli, vantaggi solo per le casse regionali.

Tutte le contraddizioni di un paese che riesce a trasformare le potenzialità e la grandezza della rete in elemento di discriminazione per i suoi cittadini.
Il comunicato stampa di Adiconsum sulle novità riguardanti il bollo auto.

Da gennaio 2015 la Regione Veneto non invierà più per posta ordinaria agli automobilisti veronesi la lettera  per ricordare il pagamento del bollo auto. Solo chi si iscriverà via web su infobollo.regione.veneto.it, fornendo il proprio indirizzo di posta elettronica, riceverà in futuro l'avviso di scadenza.

Si legge sul sito regionale "il servizio, al momento disponibile solo per il pagamento della tassa di proprietà per autoveicoli e motoveicoli con periodicità annuale, consentirà di ricevere in automatico una mail all'inizio del mese di pagamento, per ognuno dei veicoli per i quali è stata richiesta l'iscrizione".

"In tempi di spending review - dichiara Davide Cecchinato, Presidente Adiconsum Verona - è opportuno limitare le spese. Sarebbe per contro opportuno che i risparmi venissero impiegati a beneficio dei cittadini come, ad esempio, per permettere l'abbassamento delle tasse sull'auto".

"Una domanda sorge spontanea - continua Cecchinato -, in un paese in cui l'alfabetizzazione digitale è scarsa, soprattutto nelle generazioni meno giovani, cosa faranno gli automobilisti senza email? Rimarranno senza la possibilità di ricevere l'avviso di scadenza". "Il nuovo servizio - conclude Cecchinato - è un'opportunità solo per le casse regionali".