I martedì del mondo. La guerra nella Repubblica Democratica del Congo

Martedì 9 gennaio alle ore 20,30 presso la Sala Africa dei missionari comboniani (Vicolo Pozzo, 1) si terrà una serata del ciclo "I martedì del mondo" dal titolo "Repubblica Democratica del Congo, guerra continua telecomandata?"

Non vedono fine gli scontri armati nella Repubblica democratica del Congo, soprattutto dopo che il controverso presidente Joseph Kabila, in carica dal 2001, ha rimandato ancora una volta le elezioni, dichiarando come ultima data: dicembre 2018.
Il 2017 si è concluso nel sangue. La marcia pacifica, organizzata da 150 chiese cattoliche domenica 31 dicembre, è stata dispersa sotto il lancio di gas lacrimogeni e spari. Undici i morti, dodici i chierichetti arrestati a Kinshasa, la capitale.
Oltre ad aver vietato ufficialmente la manifestazione e blindato con polizia ed esercito le entrate delle parrocchie e gli accessi alla capitale, Kabila e il suo governo hanno interrotto internet e il servizio di sms, per evitare che la gente si mettesse in contatto e si organizzasse.
In tanti sono schierati contro il presidente, chiedendo che dichiari ufficialmente la sua non candidatura e la fine del suo mandato, scaduto ufficialmente a fine del 2016. L’associazione dei decani dei parroci dell’arcidiocesi di Kinshasa e il Comitato di coordinamento dei laici sono da sempre in prima linea, denunciando come la situazione politica e sociale del paese continui a peggiorare.
La Repubblica democratica del Congo, stato francofono più popoloso del continente, è ricchissima di risorse naturali e per questo devastata dagli interessi delle multinazionali che sfruttano gli immensi giacimenti di materie prime. Ma a chi giova questo continuo stato di guerra in un paese da tempo dichiarato in emergenza umanitaria, dove il numero di sfollati interni è arrivato a più di 1,7 milioni di persone? Chi fa affari con la RdC tanto da evitare l’utilizzo delle diplomazie internazionali per cercare di sanare questo stato di cose?
A parlare della situazione che sta vivendo il paese saranno Robert Kasereka, sacerdote congolese di Butembo, e padre Eliseo Tacchella, missionario comboniano che ha vissuto per trent’anni nella Repubblica Democratica del Congo e che modererà la serata.
In apertura per il consueto appuntamento BREVI DAL MONDO si parlerà della missione dell’Italia in Niger.

L’incontro è promosso da Fondazione Nigrizia, Centro missionario diocesano, Suore missionarie comboniane e Cestim, fa parte del ciclo I MARTEDÌ DEL MONDO e si terrà, come di consueto, alle ore 20.30 presso la Sala Africa dei missionari comboniani (vicolo Pozzo, 1). Possibilità diampio e gratuito parcheggio.

Per informazioni:
- Fondazione Nigrizia onlus: 045.8092390/ 045.8092271;
- Centro Missionario diocesano:045.8033519;
- Suore Missionarie comboniane: 045.8350424;
- Cestim: 045.8011032