A Giazza la Festa del Fuoco per celebrare il Solstizio d'Estate

Giovedì 23 giugno, nella notte di San Giovanni, dalle 21,00 a Giazza si celebrerà il Solstizio d'Estate con la Festa del Fuoco.

Il solstizio d'estate è un giorno considerato sacro nelle tradizioni pagane precristiane, un giorno celebrato dai miti indoeuropei e celtici che esaltano il potere del Fuoco e della Luce.
Nelle campagne del nord Europa, l’attesa del Sole era ed è propiziata da falò accesi sulle colline e sui monti, perché da sempre con il Fuoco si mettono in fuga le tenebre e gli spiriti maligni.
Attorno ai fuochi si canta e si danza; è una notte magica, una notte di prodigi: le acque trovano voci e parole cristalline, le fiamme disegnano promesse d’amore e di fortuna, il Male si dissolve sconfitto.

Nella notte più breve dell'anno, a Giazza saranno accesi 13 bracieri, a simbolo dell'unità cimbra.
La serata si aprirà con i saluti di associazioni e pubblica amministrazione.
Alle 21,30  la Compagnia Teatrale Teatro del Ramino mette in scena Le Erbe Magiche e il Bosco dell'Arcano spettacolo con attori su trampoli con fiamme vive ed effetti pirici.

Seguirà la rappresentazione di miti e leggende della Lessinia e l'accensione dei fuochi.
Dalle ore 19.00 fino alle ore 23.30 circa partirà un bus navetta gratuito da Selva di Progno.