Finanza e Diritti Sacrificati. Diritti per le Strade.. delle Golosine!

Giovedì 18 giugno quinta ed ultima tappa della prima fase del Laboratorio permanente sui diritti Regimi di legalità e pratiche di cittadinanza. Dopo carcere (diritti "ristretti"), povertà (diritti "privati"), lavoro (diritti "precari") e scuola (diritti "s-valutati"), ecco il turno della finanza e dei diritti "sacrificati".

Attraverso la lente della finanza, verrà analizzata la più articolata catena di concetti ad essa correlati: crisi, debito, austerità, neoliberismo, privatizzazioni, finanza capitalismo, ecc.
Come sempre sullo sfondo, il bisogno di definire lo specifico "stato dei diritti" presente in quel campo. In questo caso, con il concetto di diritti sacrificati, si conclude la prima panoramica che ha visto impegnato  il cartello Diritti per le nostre strade, sui regimi dei diritti violati, privati, ristretti, svuotati e svalutati.
Con diritti sacrificati, inoltre, si andrà a toccare questo effetto di sacralizzazione del dominio della finanza e dei mercati, capace di imporre in chiave religiosa i propri (dis)valori,  con tanto di sacerdoti, liturgie e pratiche di penitenza.

Giovedì 18 giugno, dalle ore 17.30 alle ore 19.30
c/o Festa delle Golosine (Golosine 37136), via O. Caccia

Programma del laboratorio:

approfondimento sui temi della finanza e delle nuove pratiche sacrificali, con Antonio Morreale (Banca Etica Verona); 
omaggio a Thomas Sankara, con proiezione documentario "Ed uccisero la felicità" (di Silvestro Montanaro); 
spunti e aggiornamenti dalla campagna Stop Ttip (anche con riferimento al Tisa).

Per contatti, informazioni e proposte: 
Giovanni Ceriani: 338 5806309
Arci Spazio Solidale: 045 8033589
 
Progetto generale "DIRITTI PER LE NOSTRE STRADE"
Laboratorio permanente sui diritti: "REGIMI DI LEGALITA" (pdf)