Facebook censura il Club Tenco

La tua inserzione non è stata approvata in quanto viola le Linee guida sulle pubblicità di Facebook perché promuove prodotti o servizi per adulti, compresi giocattoli, video o prodotti per il miglioramento delle prestazioni sessuali”.

È questa la motivazione con la quale Facebook non ha accettato la richiesta di inserzione pubblicitaria a pagamento del Club Tenco  per promuovere l'evento “Pazze idee. L’eros nella canzone d’autore”. L'inserzione conteneva il manifesto dell'evento con una tavola di Milo Manara realizzata apposta per l'occasione, che raffigura una ragazza di spalle a schiena nuda, evidente citazione (dichiarata) di Man Ray, bollata di oscenità dal social network, che tanto ci piace.

Che dire? Cose che possono accadere in un'epoca del "grande fratello", il riferimento è a Orwell non al reality, dove l'occhio censore è affidato a robot senza capacità di discernimento.
Abbiamo visto ben altre oscenità pubblicate su Fb, alcune delle quali nostro malgrado imperversano sulle nostre bacheche.

Al Club Tenco e a Enrico De Angelis, tutta la nostra solidarietà e l'invito a farci una bella risata sopra, il ridicolo della faccenda è evidente e poi ricordiamolo, per fortuna, la vita vera ha altre piazze.

A proposito ovviamente la foto che correda l'articolo è quella del manifesto pietra dello scandalo, e noi per non essere censurati confidiamo appunto nella miopia del robot...