DIRITTI IN CAMPO laboratorio formativo di legalità e giustizia

Oggi, giovedì 7 luglio 2016, i promotori di “DIRITTI IN CAMPO. Laboratorio formativo di legalità e giustizia” (ARCI, SPI-CGIL, Rete degli Studenti), assieme ad una delegazione di ragazzi, sono stati accolti in Prefettura dal Vicario del Prefetto, Dott. Angelo Sidoti, e dal Dirigente Ordine e Sicurezza Pubblica, Dott. Lucio Parente.

Gli argomenti del colloquio hanno riguardato le tematiche trattate da DIRITTI IN CAMPO, il Laboratorio voluto da ARCI, SPI-CGIL, Rete degli Studenti, che si inserisce nel percorso nazionale che vede, in questa undicesima edizione, attivarsi 30 campi e laboratori della legalità democratica e dell’antimafia sociale in diverse Regioni, quali Lombardia, Veneto, Liguria,  Piemonte, Marche, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia. Il Laboratorio veronese, che ha ricevuto il patrocinio della Camera di Commercio di Verona, si sta svolgendo presso un immobile nel Comune di  Erbè (Vr), edificato su un  terreno  dato in gestione ad una base scout dopo essere stato confiscato  ad uno spacciatore locale, affiliato alla ‘ndrangheta.

I ragazzi e le ragazze partecipanti al Laboratorio hanno rivolto numerose domande al Dott. Sidoti e al Dott. Parente, in riferimento agli strumenti di cui la Prefettura si avvale per contrastare il fenomeno della criminalità organizzata nell’ambito del territorio veronese, che vede alcune decine di immobili confiscati tra la città di Verona e i Comuni della Provincia: attività di monitoraggio e accertamento, protocolli di legalità e interdittive antimafia.

A vent’anni dall’entrata in vigore della legge 109/96 che prevede il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla criminalità organizzata, ARCI ha pubblicato il volume “Appunti di Antimafia. Breve storia delle azioni di Cosa nostra e di coloro che l’hanno contrastata”. Alcune copie del libro, dedicato a Mario Nicosia, sopravvissuto alla strage di Portella della Ginestra e recentemente mancato, è stato donato agli esponenti della Prefettura dai ragazzi e dalle ragazze al termine della conversazione.

All’incontro hanno partecipato: Michela Faccioli, Presidente ARCI Verona, Giorgio Citto, Segreteria SPI-CGIL Verona, Chiara Bordon, Segreteria Rete degli Studenti Veneto.