Concerto della Memoria – il 25 gennaio all’Università di Verona

memoria

Eadem Produzioni | Unversità di Verona presentano “CONCERTO DELLA MEMORIA”

per violino e pianoforte
Maria Di Pasquale - Pianoforte Ester Kawula – Violino
Regia di Marco Brogi Prodotto da Gionata Lao

25 Gennaio ore 21:00
Aula T2- Polo G.Zanotto 
Viale dell' Università 4 - Verona.
Ingresso libero fino ad esarimento posti.

“Aggrappatevi alla musica … la musica salva, le note salvano”. Erano questi i concetti, le parole che il direttore d’orchestra rivolgeva al suo ensemble sopravvissuto nelle memorabili sequenze finali del film di Federico Fellini “Prova d’orchestra”. E’ precisamente questo quanto successe a uomini e donne precipitate nell’inferno dell’universo concentrazionario nazista che vissero la musica come rivolta, come resistenza, come affermazione di sé e dell’umanità in un mondo nel quale la musica, e la più sublime tra l’altro, era, in un curioso quanto diabolico rovesciamento, eseguita per sottolineare le marce coatte di chi usciva e rientrava dai campi per il lavoro forzato, rappresentata per accompagnare le lunghe file che si incamminavano verso le camere a gas, spesso, al ritmo di allegre marcette, intonata per sottolineare i grotteschi contorcimenti delle esecuzioni capitali. La musica come principale antidoto all’orrore. La musica per sopravvivere e rimanere vivi. E il modo più immediato per conservare l’umanità e la dignità di persone. E il peculiare punto di vista dal quale abbiamo inteso affrontare questo tema è quello al femminile. Quindi le musiciste che nei campi hanno suonato, composto, vissuto. Tanto le “sommerse” quanto le “salvate”. E non solo le deporate ma tutte le resistenti che come la pianista olandese Rosy Wertheim organizzavano nella Amsterdam occupata concerti clandestini di musiche di compositori ebrei messi al bando. E ancora Henriette Bosmans compositrice antinazista omosessuale e stretta amica di Benjamin Britten, la direttrice dell’orchestra femminile di Auschwitz, violinista e nipote di Gustav Mahler Alma Rosé, figlia a sua volta del virtuoso di violino Arnold, e morta di stenti ad Auschwitz il 5 aprile 1944. E la pianista ceca Alice Herz-Sommer sopravvissuta insieme al figlio Raphael e che quando morì nel 2014 a 110 anni era la più anziana sopravvissuta alla Shoah. Per finire con Ilse Weber la musicista e poetessa cecoslovacca dei bambini del ghetto praghese di Theresienstadt, trasferita ad Auschwitz nell’ottobre 1944 e gassata con il figlio Tommy poco dopo il suo arrivo. Un omaggio insieme alla musica e a tutte queste donne straordinarie che l’hanno saputa vivere e testimoniare.

 

Maria Di Pasquale (Pianista)
Musicista, esploratrice degli universi sonori, profonda conoscitrice di diverse culture, viaggiatrice tout court, con un vasto bagaglio di esperienze personali e professionali specialmente extraeuropee: trasportata dal desiderio di conoscere le persone, le anime, la cultura, altri mondi, altri linguaggi. Ha studiato a Milano, diplomandosi a pieni voti in Pianoforte al Conservatorio, sotto la guida di Alberto Ferrari successivamente con Romanini e Tramma e a Parigi, al Conservatoire Eurepèen con Fidler e in ultimo con il grande Maestro G. Cziffra. Dopo l’esperienza francese si è diplomata anche in Clavicembalo presso il Conservatorio di Milano studiando, dapprima, per quattro anni con il Maestro Ottavio Dantone al Conservatorio di Lugano, poi con Laura Alvini (Accademia Internazionale di Musica), con il Maesto Gilbert (masterclasses presso il Conservatorio di Musica di Milano). Appassionata di musica da Camera, dopo una parentesi viennese, ha ampliato la sua formazione studiando e collaborando con i Maestri Sirbu, Chiarappa, Sigrist e Brainin (quartetto Amadeus) non tralasciando la musica vocale da Camera, perfezionata con Daniela Uccello per il repertorio Italiano e con Fidler per il repertorio francese e tedesco. Specializzata nel repertorio colto centro e sudamericano e nel '900 storico italiano, suona in formazioni cameristiche non solo al pianoforte ma anche come clavicembalista, in duo con voce e violino, di volta in volta con interpreti differenti, tra cui il mezzosoprano Cristina Zavalloni, il soprano brasiliano Marcia Guimaraes e la violinista Tania Camargo Guarnieri. E' stata la prima pianista in Italia a proporre il repertorio di Charles Edward Ives riscuotendo ovunque consenso di critica e di pubblico e sempre in prima esecuzione italiana ha eseguito con il soprano brasiliano Marcia Guimaraes musica erudita brasiliana. E' stata interprete di prime esecuzioni assolute con i Maestri Ennio Morricone, Pasquotti, Greenbaum e Bonetti Amendola in Italia e all’estero, e di prime esecuzioni europee di autori sudamericani: Mignone, Camargo Guarnieri, Santoro, Guastavino, Nazareth, Nobre. Ha registrato per RAI Trade (Il sogno di Galileo), Pan-Pot records (Nazareth: Anima Brasiliana), New Sounds ( Vidi Aquam). Ha collaborato in Italia con Radio Vaticana, Radio Rai 3 (“La stanza della Musica” e “Radio tre Suite”), con Canale 5, con RETE4. In Brasile per la TV Cultura e Radio Camara, in Croazia per HTR. Ha vinto premi in concorsi internazionali suonando con il Trio Contrarco. E’
ideatrice e direttore artistico di progetti musicali tra i quali: Allegro con saudade, Alma e le altre, Echad...verso uno. Maria di Pasquale svolge anche attività didattica a livello Universitario : è professore di pianoforte principale Accademico e Musica da Camera presso la Fondazione Milano, Istituzione Equiparata, Dipartimento Musica Classica, sezione MIUR – AFAM ( Alta Formazione Artistico-Musicale del Ministero Istruzione, Università e Ricerca). Ha tenuto corsi sull'interpretazione di Musica da Camera e musica Vocale da Camera Italiana, presso l’Università Federale di Rio de Janeiro, l’Università Federale di Rio Grande di Norte e l’Università Federale di Salvador de Bahia e alcuni Masterclass presso la UNESP di S. Paulo in Brasile e presso l’Accademia Villa Lobos di Rio de Janeiro; recentemente, una Masterclass sulla Musica Vocale Brasiliana a Milano ed è stata invitata al Primo Congresso sulla Lingua Portoghese nella Musica Erudita. La sua biografia è presente nell'Enciclopedia DEUMM.

Ester Kawula (Violinista)
Estera Kawula è nata a Cracovia (Polonia) nel 1980, ha studiato il Violino nel suo paese frequentando l’Accademia di Musica di Cracovia e conseguendo la Laurea nel 2004 con il massimo dei voti. Ha partecipato a numerose masterclasses sotto la guida di grandi prestigiosi maestri quali: Daniel Stabrawa (Berliner Philharmoniker), Sergey Girshenko (Conservatorio di Mosca), Ladislau Petru Horvath (Maggio Musicale Fiorentino), Yehezkel Yerushalmi (Maggio Musicale Fiorentino), Nahum Erlich (Staatlichen Hochschule für Musik Karlsruhe). In seguito ha perfezionato gli studi presso l’Accademia del “Maggio Musicale Fiorentino”. Ha ricoperto il ruolo di 1° Violino di spalla dell’Orchestra di Formazione del “Maggio Musicale Fiorentino”, con l’Orchestra “Giuseppe Tartini” di Latina, l’Orchestra Sinfonica di Roma, l’Orchestra del Festival di Sangemini (sotto la direzione di Lior Shambadal) esibendosi in prestigiose sale quali Carnegie Hall (New York), Musikverein (Vienna), Teatro Comunale (Firenze), Auditorium Conciliazione (Roma), etc. Ha collaborato con direttori quali Zubin Mehta, Yeruham Scharovsky, Lior Shambadal, Gian Luigi Zampieri e con violinisti del calibro di Daniel Stabrawa e Nigel Kennedy. In formazioni cameristiche si e’ esibita in prestigiosi Festivals nazionali ed internazionali quali: “Music of the Center”, “The Jewish Culture Centre”, “Judaica Foundation Cracow Festival”, “The Goethe Institute Cracow” dove ha suonato come solista “The Impressions” per la Radio di Cracovia, la 1° assoluta del Quartetto per Archi “The Life Cycle of a Democracy for String Quartet” di James J. Ogburn, “The International Festival of Contemporary Music – 16th Day of the Cracow Composers” dove ha effettuato la 1° esecuzione assoluta del “Miroir du Temps” di Marek Stachowski al concerto di chiusura del Festival. Altre prime assolute quelle del “IX String Quartet” di Bogusław Schaeffer, Festival “Music of the Center”, “Montecatini Terme Festival”, “Festival della Musica da Camera d’Auvergne” con la formazione St.Stanislau Quartet (Francia), “Junge Österreichische Philharmonie” sotto il patronato di Lord Yehudi Menuhin. Nel gennaio 2015 ha debuttato il "Concerto per Violino" del compositore Giuseppe Monetti con l'Orchestra San Giovanni sotto la direzione di Keith Goodman. Si è esibita nella Golden Hall della Filarmonica di Cracovia con suo padre, Krzysztof Kawula (1°Flauto solista della Filarmonica) ed altri musicisti, eseguendo i Quartetti di Mozart. Recentemente ha suonato a Roma con il chitarrista brasiliano Daniel Wolff ed il Quartetto d’Archi Rimsky. Nel 2012 come solista e spalla con l'Orquestra Sinfônica de Ribeirão Preto (São Paulo – Brasil). Il suo repertorio spazia da Bach fino ai compositori contemporanei svolgendo attività concertistica da 20 anni in Polonia, Germania, Austria, USA, Italia, Svizzera, Stati Uniti, Ucraina, Repubblica Ceca, Francia, Olanda, Scozia, Cina, Brasile, etc. Ha al suo attivo prime esecuzioni di compositori italiani come Keith Goodman e Giuseppe Monetti, oltre all'esecuzione di lavori di Astor Piazzolla, John Williams ed Armando Trovajoli. Nell'ottobre 2015 ha effettuato un applauditissimo tour di 5 concerti in Cina in Duo con il pianista Daniele Riscica. Dal 2017 affianca l’attività didattica a quella concertistica.

Eadem Produzioni 
Sito web : http://www.eademproduzioni.wordpress.com