Con la Resistenza di Kobane per la libertà, contro ogni forma di sfruttamento e di oppressione

Le informazioni che giungono a riguardo dello stato islamico (ISIS) dalle zone del conflitto sono sempre limitate ed imprecise.
Ormai però appare chiaro che il nuovo califfato altro non è se non il frutto avvelenato della politica occidentale verso quelle regioni e che gode del sostegno proprio di Arabia Saudita e Qatar che, nella zona, sono annoverati tra i migliori alleati dell'occidente.
Sul terreno, le truppe islamiste sono contrastate principalmente dalle popolazioni kurde.
In questo scenario, da qualche settimana, è diventata emblematica la dura resistenza della città kurdosiriana di Kobane che, con il contributo essenziale delle donne soldato, è  impegnata a respingere l'assalto a cui è sottoposta.

Proprio per conoscere meglio la situazione del conflitto e manifestare la nostra solidarietà alla resistenza kurda di quella città mercoledì 3 dicembre, alle 21 presso la Federazione di Rifondazione Comunista di via Benedetti n. 18, Borgo Roma, interverrà YLMAZ ORKAN del Congresso Nazionale Kurdo e portavoce di UIKI onlus che, assieme a LUIGI VINCI già deputato europeo, potrà portare una testimonianza puntuale sulla situazione e dare un aggiornamento fedele sul conflitto.
Vista la qualità dei relatori l'iniziativa risulta un importante occasione per superare la genericità dell'informazione sulla guerra in atto e riproporre la questione kurda che, da anni, continua a non trovare risposte soprattutto per la resistenza del governo turco e la scarsa considerazione dell'Europa e del mondo occidentale.