Carta dei diritti universali del Lavoro

E’ iniziata sabato 9 aprile in tutta Italia la raccolta di firme lanciata dalla Cgil a sostegno della Carta dei Diritti Universali del Lavoro e dei tre referendum relativi a licenziamenti, appalti e voucher.
A Verona la raccolta firme ha toccato Verona, Legnago e Caprino.
Secondo Maria Pia Mazzasette, della segreteria provinciale della Cgil “Le persone che si sono avvicinate ai nostri tavoli erano già informate e hanno firmato con facilità”.
Buona la raccolta di firme complessiva della prima giornata in provincia di Verona.
Se per i tre quesiti referendari sono necessarie almeno 500 mila firme, per la legge di iniziativa popolare ne basteranno 50 mila. Ovviamente la Cgil, anche col trascinamento dei referendum, punta a raccoglierne molte di più.
Nei prossimi tre mesi la Cgil sarà presente nei mercati principali di città e provincia oltre che in alcune zone industriali.
In queste ore si stanno terminando i preparativi per un calendario completo degli avvenimenti e delle iniziative. Una data certa, per Verona, sarà quella del 15 maggio quando arriverà in città il Pullman della Cgil Nazionale che pubblicizza l’iniziativa su tutto il territorio nazionale.

Agostino Mondin