Buona spesa popolare

Domenica 4 giugno, dalle ore 09.30 alle ore 12.00, nella sede di Rifondazione Comunista di via Benedetti n. 18 a Borgo Roma, il Gruppo di Acquisto Popolare mette a disposizione dei propri soci prodotti di qualità a prezzi convenienti ottenuti senza ricarico dal costo pagato per l'acquisto. Sono privilegiati i produttori locali in una logica di sostegno alle piccole realtà del territorio.

Oltre ai beni di prima necessità come pasta, passata di pomodoro,riso, olio, zucchero e latte, saranno disponibili pezzature di formaggio grana, Monte Veronese ed Asiago. Si troverà il pane biologico, sia bianco che integrale, appena sfornato e, sempre da colture biologiche, saranno disponibili anche i prodotti di ortofrutta. Sarà attivo il mercato dell'usato per riciclare capi di abbigliamento puliti ed in buono stato per favorire il riciclo ed il riuso.

Buona qualità e prezzo contenuto sono le caratteristiche principali del progetto che vuole essere una risposta parziale, ma concreta, in difesa delle condizioni di vita dei ceti sociali più deboli incalzati dalla crisi economica e dalla politica di austerità continuamente riproposta. Da un lato continuano i tagli alla spesa sociale ed ai servizi fondamentali come l'istruzione, la salute e l'assistenza e, dall'altro, aumenta la precarietà e la disoccupazione con conseguente riduzione delle disponibilità economiche a disposizione di ampi strati della popolazione.

I soldi non ci sono per garantire una vita dignitosa per le persone in difficoltà, ma non mancano per le banche e per la speculazione finanziaria.

Fare la spesa al GAP significa contrastare questo ingiusto modello economico e proporre un modello di vita che metta al centro le condizioni di vita degli abitanti del quartiere e non il profitto. La solidarietà ed il mutualismo diventano centrali in un'operazione tesa a non lasciare indietro nessuno. Aderire al GAP è piuttosto facile oltre che conveniente dato che la tessera associativa costa 50 centesimi ed ha validità per un anno. Assieme, anche le difficoltà più severe, fanno meno paura.

Buona spesa popolare.