Borgo Venezia è una valle chiamata Pantena

Venerdì 8 aprile alle 15,30 presso il centro civico Nicola Tommasoli in via Perini 7-B.go Santa Croce-Verona  l’Università itinerante Auser di B.go Ve (Vr) e il Collettivo CulturaleTambien presentano la conferenza Borgo Venezia è una valle chiamata Pantena a cura di Giorgio Chelidonio

Quasi 1.200 anni fa, nell’844 d.C., la Val Pantena si chiamava “vallis Paltena”: in quella “L” diventata “N” solo 3 secoli dopo (Pantena pare documentato per la prima volta nel 1170) stanno racchiusi i “segreti” del suo significato originale, forse risalente ad una colonizzazione nord-etrusca, ritenuta probabile da dotti e complessi studi linguistici ma finora priva di tracce archeologiche corrispondenti.

Le origini morfologiche di questa valle risalgono, però, a rocce di oltre 150 milioni di anni fa e al grande fenomeno del sollevamento alpino, tuttora in corso. Si dipanano, almeno 300 mila anni fa, fra i “primi veronesi”, i romani, i longobardi, gli scaligeri e i veneziani per defluire verso la ferrovia Milano-Venezia, iniziata nel 1837 e completata nel 1878, dal cui sviluppo socio-economico, nacque, circa 100 anni fa, Borgo Venezia: il centro-fondovalle paludoso della bassa Val Pantena, semi-disabitato anche a causa della “spianà” ordinata dai Veneziani nel 1518, divenne così il primo quartiere moderno ad Est di Porta Vescovo.

L'Università itinerante/AUSER di Verona per la zona di Borgo Venezia, per l'anno accademico 2015- 2016 propone  un ricco calendario di iniziative coordinate dal Collettivo Culturale Tambien.
Gli incontri si svolgono nei pomeriggi di venerdì dalle 15,30 alle 17,30 presso il Centro Civico Nicola Tommasoli in Via Perini 7, Borgo Santa Croce.