ANED: ignoti rubano la targa della sezione veronese

 Ieri nell’aprire la sezione veronese dell’ANED, Associazione Nazionale ex deportati nei campi nazisti, in via Arnolfo di Cambio 17 (zona stadio!) ci siamo accorti che è stata asportata da ignoti la targa in marmo dell’associazione, già oltraggiata da una svastica tracciata in nero con una bomboletta spray nel maggio 2014.

Il fatto si commenta da solo, chi oltraggia i deportati intende inneggiare a uno dei periodi più oscuri della storia: 11 milioni di persone finite nell’orrore dei Campi perché considerate ‘diverse’, ebrei, politici, omosessuali, zingari, ‘asociali’, disertori… Aned ha immediatamente denunciato il fatto alla Digos che ha già proceduto ai rilievi necessari, ma avvisa fin d’ora gli autori di tale gesto fascista che ben presto una nuova targa indicherà l’Associazione che riunisce gli ex deportati ancora viventi, i familiari degli uccisi nei KZ nazisti  e chi intende perpetuare la Memoria della Deportazione. Forse asportando la targa intendevano cancellare la memoria dei loro crimini, ma noi continueremo a indicare, soprattutto alle giovani generazioni, l’abisso cui può arrivare l’animo umano quando si perdano di vista i valori dell’Uguaglianza, della Libertà, della Democrazia.

L'azione è tanto più odiosa perché prende di mira chi già ha atrocemente sofferto a causa dell’ideologia nazista e fascista: solo a Verona e provincia oltre 300 persone che si sono volute cancellare nei forni crematori e nelle camere a gas e i cui nomi e la cui memoria Aned intende tenere costantemente in vita (anche iscrivendoli a imperitura memoria in una lapide da tempo proposta all’Amministrazione Comunale e ora, pare, in via di definizione)!

A Verona i conti con il fascismo e il nazismo, purtroppo, non sono ancora definitivamente chiusi e il ritorno in Italia e Europa di forze della destra eversiva xenofoba e razzista è segnale molto inquietante di un’ideologia che trova nuovo vigore nella caduta della tensione democratica e dei valori antifascisti.

ANED la settimana prossima dall’11 al 13 novembre a Bolzano (sede di uno dei KZ in Italia in cui sono passati miglia di persone tra cui tanti veronesi) terrà il suo XVI Congresso: anche questo squallido episodio dimostra che c’è ancora bisogno di noi e nelle 26 sedi sparse in tutta Italia continueremo la trasmissione della Memoria, e la difesa dei valori dell’Antifascismo e della Costituzione nata dalla Resistenza.

Invitiamo tutti e tutte le democratiche e antifascisti a unirsi a noi nell’impegno di mantenere viva la Memoria. 

 La Sezione veronese dell’ANED

[…] ’occorre agire non parlare. Questo mostro stava per governare il mondo! I popoli lo spensero, ma ora non cantiamo vittoria: il grembo da cui nacque è ancora fecondo’ (Bertold Brecht)