Al via il progetto DIVERSI/UGUALI. Formare alla differenza, promuovere l’uguaglianza

Venerdì  16 settembre è stato presentato il progetto: DIVERSI/UGUALI. Formare alla differenza, promuovere l’uguaglianza dall’associazione di volontariato Spazio Solidale, ARCI Verona e circolo MILK Community Center.

Si tratta di un ciclo di incontri che avrà inizio martedì 20 settembre alle ore 21:00 presso la sede Milk in via Nichesola n. 9 a San Michele Extra per proseguire fino al 3 dicembre 2016.

Il progetto, che ha ricevuto il contributo del CSV (Centro Servizio per il Volontariato di Verona), è rivolto ai/alle  volontarie delle organizzazioni coinvolte e aperto alla partecipazione dei/le cittadini/e interessati alle tematiche trattate. Il percorso formativo, che coinvolgerà una quindicina di docenti nelle varie discipline e che si protrarrà sino a dicembre di quest’anno con incontri settimanali, si propone di attuare politiche efficaci e consapevoli nell’ambito della discriminazione per orientamento sessuale e della prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, con particolare riguardo all’HIV, fornendo ai partecipanti utili strumenti teorici e pratici.

DIVERSI/UGUALI. Formare alla differenza, promuovere l’uguaglianza si inserisce in un contesto che ha visto anche Verona teatro negli anni di episodi violenti o comunque discriminatori nei confronti delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, intersessuali). Tali avvenimenti hanno talvolta incontrato l’indifferenza anche da parte delle istituzioni, che solitamente non escono con dichiarazioni a sostegno delle vittime o stigmatizzando con fermezza tali atti. Le stesse istituzioni sono state invece autrici nel tempo di provvedimenti assai discutibili e ritenuti omofobi (si ricorda l’ordine del giorno comunale n. 336 del 1995 - che non recepiva le risoluzioni europee in materia di pari opportunità – e quello più recente n. 426 del 2014, che sottopone le scuole ad un controllo comunale, monitorandone i progetti di educazione sessuale e affettiva). Non mancano inoltre iniziative , organizzate da alcuni gruppi di persone, su tutto il territorio provinciale, che diffondono una costante disinformazione rispetto alla cosiddetta “teoria del gender” e che così facendo aumentano la confusione e il pregiudizio. Vi sono tuttavia segnali importanti di segno opposto, che rilevano come il tessuto sociale si stia sempre più sensibilizzando e impegnando nella promozione dei diritti civili (si ricorda il Verona Pride del giugno 2015, che ha visto un gruppo di associazioni - quali ARCI Verona, Arcigay Pianeta Urano, Milk, Spazio Solidale e altre - promotrici o sostenitrici di una grande e pacifica manifestazione che ha registrato la partecipazione di migliaia di persone, molte delle quali veronesi e non appartenenti al mondo Lgbt).

Le lezioni inizieranno con una sperimentazione teatrale sull’omofobia, continueranno con la conoscenza di parole e definizioni, approfondiranno la storia e le questioni legali, si avvarranno dell’esperienza delle famiglie omogenitoriali e dei gruppi di mutuo aiuto, tratteranno il tema della doppia discriminazione (es. condizione di “straniero e omosessuale”), dedicheranno ampio spazio al tema dell’HIV e delle malattie sessualmente trasmissibili e infine proporranno proiezioni cinematografiche.

Le lezioni sono gratuite e le informazioni sulle stesse si potranno ricevere contattando la segreteria organizzativa: tel. 045 8033589, e-mail spaziosolidale@gmail.com .

QUI il calendario delle lezioni.