Acqua potabile contaminata in Veneto: GreenPeace svela i dati di 94 comuni

GreenPeace con la Campagna STOP PFAS in Veneto, si è battuto anche per garantire ai cittadini l’accesso alle informazioni sulla contaminazione da PFAS nell’acqua potabile dei comuni colpiti dall’emergenza ambientale.

Fino ad oggi per i cittadini veneti era difficile risalire alla presenza di PFAS nell’acqua potabile del proprio comune. Per questo GreenPeace con la Campagna STOP PFAS in Veneto, si è battuto anche per garantire ai cittadini l’accesso alle informazioni sulla contaminazione da PFAS nell’acqua potabile dei comuni colpiti dall’emergenza ambientale. ha presentato un’istanza pubblica alla Regione Veneto e, dopo varie richieste, ha ottenuto le informazioni che riguardano oltre 90 centri abitati.

Stiamo parlando di un bene primario e vitale come l’acqua potabile: i cittadini hanno diritto alla trasparenza e a conoscere il livello di inquinamento del proprio centro abitato!
Per questo GreenPeace ha reso pubblici e navigabili i dati, sul proprio sito: GUARDA I DATI.

L’analisi di questi dati, rivela che ben 130 mila cittadini veneti, almeno una volta nel corso del 2016, hanno ricevuto acqua potabile che negli Stati Uniti non è considerata sicura per la salute. Il numero sale a circa 200 mila se riferito ai limiti presenti in Svezia.

I cittadini veneti sono forse più forti e resistenti all’inquinamento da PFAS degli americani e degli svedesi? Oppure la loro salute vale meno di quella degli altri?

CONDIVIDI E FAI FIRMARE LA PETIZIONE per chiedere alla Regione Veneto di fermare subito l’inquinamento da PFAS e tutelare la salute dei cittadini!

WWF non si ferma: la campagna continua.

Il 14 Maggio, in sostegno alla popolazione e i comitati locali che si battono per avere acqua sicura e priva di PFAS, la Marcia dei Pfiori. L’appuntamento è alle ore 9:00 nella Piazza di Montecchio Maggiore (VI).

Si stanno terminando le analisi sui campioni d’acqua prelevati nelle scuole primarie del Veneto. Il 15 Maggio tutti i dati saranno consultabili on line sul sito di GreenPeace .

Vi invitiamo a continuare a seguire e sostenere la Campagna STOP PFAS!